"Venezia al centro del Mediterraneo da Lepanto all’Unione Europea"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di VeneziaToday

Riceviamo e pubblichiamo: "Lepanto (Naupaktos in greco) è in fermento per l'arrivo della barca a vela Arina, nel pomeriggio di giovedì 14 luglio, con un carico di libri e la mostra itinerante "Venice on the pathway to Lepanto".

Promosso dalla veneziana Marco Polo System all'interno di un panel internazionale, l'iniziativa si inserisce all'interno di un vasto progetto di network, nato con un protocollo cofirmato lo scorso ottobre, il Memorandum of Understanding "Dalla Battaglia di Lepanto all'Unione Europea" per l'istituzione del Network Internazionale promosso dal Comune greco di Nafpaktos (Lepanto) con il supporto di Marco Polo System GEIE. Al progetto hanno già aderito varie Istituzioni, Enti ed Associazione della Grecia, Cipro, Spagna, Germania e Italia (Regione Sicilia, Città di Messina e Palermo, Gaeta: luoghi-chiave della battaglia del 1571).

Marco Polo System ripropone il viaggio da Venezia alla Grecia/Creta "Sulle Rotte di Lepanto", toccando vari porti e luoghi per promuovere l'idea del network internazionale, ridando vita a un progetto di successo come VeRoTour (Venetian Routes Tour), nato in seno all'ideale del mare magnum come placenta di nuove unioni e intese, insieme al potenziamento del lascito culturale della Serenissima. Dopo aver siglato lo scorso 3 luglio un'intesa con il Comune di Corfù, la delegazione veneziana è pronta ad approdare a Lepanto, teatro della storica battaglia del 1571. Il fatto storico, certo cruento, viene qui visto come occasione di rovesciamento semantico, per diventare momento di unione tra forze pacifiche come cultura, scambio, cooperazone internazionale e intese commerciali. A Corfù, con il sindaco Kostas Nikolouzos, la celebrazione del patto d'intesa è stata occasione per individuare nuovi percorsi comuni, dalla coesione commerciale euromediterranea allo sviluppo di una rete basata sull'enogastronomia, dove una curiosità come l'omonimia tra piatti tradizionali (a Corfù la cucina popolare ha nomi come "risi-bisi", "sofrito", "bianco") può diventare scintilla per nuove sinergie in campo turistico. L'arrivo a Lepanto previsto per giovedì è tappa fondamentale del percorso euromediterraneo di Arina, che simbolicamente rilancia Venezia grazie alla creazione della rete "Sulle Rotte di Lepanto". Media greci e rappresentanti delle istituzioni sono in fermento per vedere finalmente Lepanto di nuovo protagonista, ma in senso pacifico e positivo, come atto fondante di un nuovo sistema sinergico di rilancio anche economico. Il viaggio di Arina è documentato in un diario di bordo virtuale: Verotour 2016 - MedCulture, dove si trovano immagini e suggestioni raccolte lungo il percorso,

L'Europa riparte dal mare e dalle tradizioni che ne furono alle origini. Sottolinea Pietrangelo Pettenò, amministratore unico dell'ente promotore Marco Polo System: "C'è bisogno di un'altra Europa, un Europa delle culture, dei popoli, con il Mediterraneo a giocare un ruolo centrale"".

Torna su
VeneziaToday è in caricamento