rotate-mobile
Mercoledì, 17 Agosto 2022
Cronaca San Marco / Salita San Moise

San Moisè, negozio con le sagome sui balconi: fascicolo in Procura

Secondo le ipotesi iniziali la decisione di apporre all'esterno del palazzo materiale non previsto di autorizzazione dalla Soprintendenza dei Beni paesaggistici sarebbe "illegale"

"L'ignoranza della legge non scusa nessuno". Forse non sapevano, forse erano convinti non si potesse attaccare una campagna promozionale. Nel mirino della Procura, tuttavia, è rientrato un negozio di griffe d'alta moda a San Moisè. Alcune foto contenute nel fascicolo sono emblematiche: sui balconi al primo piano del palazzo che ospita il negozio sono comparse delle sagome colorate con la fotografia dell'attrice Marilyn Monroe.

Di certo non si tratta di un dramma o un allarme per deturpamento del paesaggio, tuttavia anche per le più piccole modifiche esterne, a Venezia, è necessario chiedere l'autorizzazione. E' il vincolo imposto da anni dalla Soprintendenza ai Beni architettonici. Secondo la Nuova, nessuno ha mai avanzato richieste per l'affissione delle sagome. Per questo sono ritenuti "illegali". Da tempo albergatori, negozianti e persino edicolanti sono stretti nelle norme della Commissione regionale di Salvaguardia che, appunto, tenta di tutelare il paesaggio da insegne vistose e addobbi vari.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

San Moisè, negozio con le sagome sui balconi: fascicolo in Procura

VeneziaToday è in caricamento