menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Vuole passare la frontiera con nove chili di "coca", veneziano nei guai

Cercava di rientrare in Italia con oltre un milione di euro in "neve" purissima, ma si è tradito vedendo arrivare l'unità cinofila della Guardia di Finanza

Dall'Ucraina all'Italia, con in valigia almeno un milione di euro in cocaina, peccato che nel Bel Paese non ci sia arrivato senza problemi: i finanzieri di Trieste e i carabinieri di Aurisina hanno infatti chiuso le manette attorno ai polsi di un 46enne veneziano fermato nel valico stradale di Fernetti mentre cercava di passare la frontiera con un carico di droga in auto.

TROPPO NERVOSO – L'uomo ha cercato di rientrare in Italia nel pomeriggio di martedì, a bordo di una vettura di grossa cilindrata con targa italiana in direzione "entrata Stato". I militari hanno notato l'agitazione quando è intervenuta un'unità cinofila antidroga della Guardia di Finanza. Il cane ha infatti individuato la sostanza stupefacente, nove chilogrammi e mezzo di cocaina purissima del valore, una volta tagliata, di almeno un milione di euro chiusa in otto involucri. Il "corriere", che dai timbri sul passaporto risultava provenire dall'Ucraina, è stato arrestato e chiuso nella casa circondariale di via del Coroneo, a Trieste. Sono in corso ulteriori indagini allo scopo di rilevare ulteriori coinvolgimenti del traffico illecito.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Estate 2021, Ryanair annuncia 65 nuove rotte dal Veneto

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento