Campagna contro il turismo selvaggio: "Venezia sarà una città fantasma"

Parte la campagna pubblicitaria che ha l'obiettivo denunciare la massificazione turistica e la desertificazione delle attività locali in centro storico: "Non siamo comparse a Veniceland" è lo slogan

"Non siamo comparse a Veniceland": la posizione degli artigiani sul futuro della laguna è abbastanza eloquente e lo slogan scelto per la campagna pubblicitaria realizzata dalla Confartigianato di Venezia ne è la prova.

L'obiettivo della categoria - alcuni si sono trasformati in veri e propri testimonial, presenti su dei manifesti che saranno affissi in città - è quello di "denunciare la massificazione turistica e la desertificazione delle attività locali in centro storico per scuotere le coscienze della nuova amministrazione e di chi arriva in laguna: nel giro di una ventina d’anni Venezia rischia di trasformarsi in una città fantasma dedicata esclusivamente alle attività turistiche e ricettive, dove i veneziani e le botteghe locali non esisteranno più". La paura è che Venezia possa perdere quel fascino fatto di antiche arti e mestieri a solo vantaggio del divertimento mordi e fuggi: il rischio c'è, ma non è detto che, invece, la città non possa crescere e attirare più turisti innamorati del centro storico e dei gioielli che può offrire, anche dietro il bancone di un negozio.

Gianni de Checchi, segretario Confartigianato Venezia: "Vogliamo lanciare un grido d’allarme: Venezia sta perdendo le sue attività artigianali, i suoi residenti e la sua vitalità. Non una campagna “contro” qualcuno, ma un modo per dire anche alle istituzioni di qualsiasi ordine e grado che una soluzione è urgente, che Venezia contiene ancora al proprio interno gli anticorpi per rigenerare quel tessuto di piccole imprese che l’ha caratterizzata per secoli. E noi di Confartigianato alcune proposte le abbiamo".

I dati riportati sono impressionanti: "Se tutti concordano su una presenza vicina ai 21 milioni di presenze annue che gravano per la quasi totalità sul centro storico - spiegano gli artigiani - ci troviamo nella situazione di circa 365 turisti per abitante. Significa circa 20 volte Ibiza, 3 volte Formentera e 6 volte Las Vegas". Il problema è che si tratta di una tipologia di turista essenzialmente non pernottante, mentre la quota di turismo consapevole e con discreta capacità di spesa si sta sempre più assottigliando a favore di un turismo sempre più frettoloso, con scarsa capacità di spesa e scarsamente consapevole.

"Negli ultimi 20 anni - denuncia Confartigianato - Venezia ha perso 270 attività artigianali definite tipiche e tradizionali. Calcoliamo inoltre che circa 200 attività definite artigiane hanno inoltre mantenuto la loro iscrizione all’albo delle imprese, ma hanno sostanzialmente modificato strutturalmente e stabilmente la loro attività a favore di un mero commercio di prodotti industriali, spesso di provenienza cinese, a basso valore aggiunto e a basso costo per rispondere a una domanda crescente di questo genere di prodotti. Sono numeri enormi, che danno l’idea di una città che ha perso quello che è stato per secoli il vero e proprio tessuto connettivo socio economico cittadino, che rendeva Venezia una città viva, vitale e vissuta, e  involvendo verso un’offerta sempre più banale, omologata, indifferenziata, priva di qualità, di tradizione e di cultura".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Questa è la ragione per cui Confartigianato Venezia guarda con attenzione e spirito di collaborazione alle iniziative che tenacemente resistono all’omologazione e si oppongono alla in-cultura del brutto e del banale. Ed è vicina a quanti, artigiani, piccoli commercianti, persone di cultura, della ristorazione di qualità, fautori dell’innovazione, pensano e lavorano per una Venezia viva in tutte le sue componenti, e non per una “Veniceland” tanto desolata quanto schiacciata da milioni di turisti mordi e fuggi". L'unica soluzione, si conclude, è quella di introdurre una sorta di contributo di scopo attraverso il quale fornire alla città le risorse adeguate per governare meglio i flussi e per pagare i costi enormi della massa turistica.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Zaia: «Vicenda di Jesolo inconcepibile, certe aggregazioni sono un danno sanitario»

  • Polemiche su tre consiglieri leghisti per la richiesta del bonus Inps da 600 euro

  • Chiusura del raccordo da Venezia verso la tangenziale di Mestre

  • Noale in lutto, è morto a 29 anni il consigliere comunale Damiano Caravello

  • Noto albergatore di Jesolo muore in un incidente stradale

  • Malore dopo un festino a base di alcol ed eroina: abbandonato in auto dagli amici

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento