menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Cessione del ramo d'azienda per disfarsi dei lavoratori", il giudice dà ragione alla Fiom

Sindacato dei metalmeccanici: "Il tribunale ci ha dato ragione, reintegrando nel posto di lavoro e risarcendo tutti i 29 dipendenti Palomar del gruppo Mantovani. Orgogliosi della lotta"

Reintegrati al loro posto di lavoro. Questa la decisione del giudice del tribunale di Venezia, che con sentenza del 22 marzo scorso ha messo la parola fine alla vertenza Palomar. Come riportato dalla Fiom, l'azienda del gruppo Mantovani, a seguito del distacco di un ramo d'azienda, la Sertec, aveva licenziato 29 addetti al termine degli ammortizzatori sociali.

Il giudice avrebbe disposto anche il risarcimento dei dipendenti che avevano promosso vertenza nei confronti dell’azienda Palomar per aver perso l'occupazione in seguito alla disaggregazione aziendale. "Il distacco del ramo d'azienda sembrava fatto ad hoc per disfarsi dei lavoratori - ha commentato Antonio Silvestri, segretario Fiom Venezia - infatti la Mantovani, investita dallo scandalo Mose, aveva deciso di costituire una nuova azienda, (la Sertec appunto), rilevando parte dell'attivita? e sbarazzandosi del restante personale, lasciandolo al suo destino".

Prosegue Silvestri: "Il 21 aprile di due anni fa la Sertec, in sfregio alla legge che regola le cessioni di ramo di azienda, metteva in cassa integrazione straordinaria e poi licenziava, al termine dell'ammortizzatore sociale, gli ex dipendenti Palomar. Il sindacato si e? contrapposto a questa ingiustizia, rifiutando di sottoscrivere l'accordo perche? illegittimo e discriminante. Ad oggi - conclude Silvestri - possiamo essere orgogliosi di aver portato avanti la battaglia".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento