menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cavarzere, "Nessuna risposta dalla Taglia e Cuci, migliaia di euro in gioco"

I sindacati: "Sono tutti i soldi degli stipendi non pagati, questo significa rubare ai cittadini e allo Stato. Le autorità ci aiutino a capire se questi fallimenti continui sono leciti"

Aver portato in strada la vertenza della ditta Taglia e Cuci Denim di Cavarzere, che ha chiuso improvvisamente i battenti nei giorni scorsi, senza alcun preavviso ai dipendenti e ai sindacati, non sembra aver minimamente scomposto i titolari dell'attività, secondo il racconto delle parti sociali.

Filctem Cgil e Femca Cisl hanno marciato assieme alle lavoratrici licenziate e non stipendiate da mesi, circa 50 signore, per tutto il centro cittadino fino al Comune, venerdì scorso, facendosi ricevere per un colloquio dal sindaco, Henri Tommasi. Ecco il video:

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Questa improvvisa chiusura delle attività, ha fruttato nelle tasche dei titolari una cifra di circa 64.000 euro netti: i soldi degli stipendi di giugno. Se consideriamo anche marzo e luglio, altri mesi non pagati alle dipendenti, le cifre si alzano in modo considerevole - scrivono Davide Stoppa, Filctem Cgil e Francesco Coco, Femca Cisl -. Denunciamo queste forme in quanto non parliamo di normali crisi o cessazioni di attività, ma di meccanismi che si ripetono e che vorremmo capire se rientrano nella legalità. Ci appelliamo a tutte le autorità di competenza e speriamo che al più presto qualcuno ci risponda in maniera decisa e precisa. Tale meccanismo, delle mancate ultime retribuzioni, viene adottato sempre in prossimità della cessazione dell’attività, e attraverso il sistema dei fallimenti va a ricadere sulle casse dell'Inps, attraverso il fondo di garanzia che copre il trattamento di fine rapporto dei lavoratori e le ultime tre mensilità".

Poi c'è la questione del mancato preavviso, scrivono i sindacalisti. "Le lettere di licenziamento sono datate 31 luglio, in modo anomalo visto che fino alla stessa data all'interno della ditta si lavorava a pieno regime, posticipando le ferie per commesse dei circa 6000 capi da consegnare, confermando che tutto ciò era già stato progettato a tavolino. Vorremmo capire se i soldi dei capi lavorati e consegnati sono stati incassati e chi li ha incassati, visto che le lavoratrici non riceveranno i loro stipendi dall'azienda, ma saranno costrette a richiederli all'Inps".

"Le proteste non si fermano qui - promettono le sigle Femca e Filctem - pronte a scendere in strada con nuove manifestazioni "fino a quando i diritti di ogni singolo lavoratore non saranno rispettati, denunciando a tutte le istituzioni questi sistemi ai danni dei lavoratori e della collettività".
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento