Siringhe e vetri, netturbini punti dai rifiuti insidiosi. "Proteggete gli oggetti taglienti"

Appello di Veritas per evitare situazioni di pericolo per i dipendenti: l'invito è a mettere il cappuccio agli aghi e coprire lame e cocci con carta di giornale, prima di gettarli

Sono aumentati, negli ultimi tempi, i casi di netturbini punti da siringhe o feriti da oggetti taglienti gettati senza protezione nel sacchetto del rifiuto residuo. Lo annuncia Veritas, specificando che succede soprattutto a Venezia, dove i sacchetti sono raccolti a mano, ma anche negli impianti di separazione del vetro plastica lattine e metalli, dove alcune operazioni di divisione dei vari materiali sono manuali.

Veritas ricorda quindi ai cittadini la necessità di proteggere con il cappuccio l’ago delle siringhe, dopo averle usate e prima di buttarle nel rifiuto residuo. Inoltre, le lame dei coltelli e ogni altro oggetto tagliente, bicchieri e specchi rotti, prima di essere messi nel rifiuto residuo, devono essere avvolti in carta di giornale o altro materiale in grado di proteggere ed evitare la rottura del sacchetto durante la raccolta.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Venezia fa il pieno di stelle Michelin, 8 i ristoranti premiati

  • Incidente in auto nel pomeriggio: morto un 19enne di Mira, grave un suo coetaneo

  • Schianto tra un'auto e uno scooter, morto un 17enne

  • Addio ad Andrea Michielan, morto a 21 anni

  • Nuova ordinanza in Veneto: «Il sabato medi e grandi negozi posso rimanere aperti»

  • Coronavirus, bollettino di oggi: i numeri in Veneto e provincia di Venezia

Torna su
VeneziaToday è in caricamento