menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Via ai lavori per il Moving Walkway, il Marco Polo guarda a Manhattan

Presentato il camminamento che collegherà il terminal acqueo con l'aeroporto. Costo quasi 24 milioni. Enrico Marchi: "Passiamo ai fatti"

Inaugurati i lavori del Moving Walkway, il percorso pedonale assistito di collegamento tra la darsena e il terminal passeggeri dell’aeroporto Marco Polo di Venezia. Investimento di oltre 23 milioni di euro per il Water Terminal, che accoglierà i passeggeri provenienti via acqua e la galleria sopraelevata di 365 metri, con tappeti mobili che consentiranno di percorrere la distanza fino all’aeroporto in 4 minuti. I lavori del Moving Walkway, il percorso pedonale assistito che collegherà la darsena dell’aeroporto Marco Polo di Venezia con il parcheggio multipiano e il terminal passeggeri, sono stati ufficialmente presentati mercoledì mattina, alla presenza del Presidente di SAVE, Enrico Marchi, e del Direttore Generale di ENAC, Alessio Quaranta.

L’intervento fa parte del primo blocco di opere previste nel Master Plan dell’aeroporto al 2021, che comprende altri importanti interventi come l’ampliamento del terminal, la realizzazione della centrale di trigenerazione e il potenziamento di piste e piazzali.

Il progetto del Moving Walkway si compone di due elementi principali: il percorso pedonale assistito e il nuovo water terminal che si affaccia sulla darsena. Il concept architettonico a cui si sono ispirati i progettisti di Pool Engineering per il percorso pedonale assistito è quello della High Line di New York che, recuperando una linea ferroviaria dismessa, si snoda tra gli edifici di Manhattan offrendo un punto di vista privilegiato da cui ammirare il paesaggio circostante. Così, il percorso pedonale assistito si sviluppa dalla darsena all’aerostazione attraverso una galleria sopraelevata (10,65 metri dal suolo) e climatizzata, lunga 365 metri, 310 dei quali serviti da 5 coppie di tappeti mobili che permettono di percorrere la distanza in 4 minuti. La galleria, che poggia su pilastri in cemento armato a sezione ellittica, si raggiunge dalla darsena attraverso 3 ascensori della portata di 26 passeggeri ciascuno e 2 scale mobili. Il percorso è organizzato in modo asimmetrico, aperto alla vista da un lato mediante una parete vetrata, e chiuso dall’altro da una parete opaca a protezione del massimo soleggiamento.

I serramenti sono in ottone, per meglio resistere all’aggressione della salsedine, i pavimenti in legno di teak, la fascia centrale ribassata del controsoffitto è realizzata in legno con caratteristiche fonoassorbenti e in essa sono integrati gli elementi di illuminazione. Il passeggero è accompagnato lungo il percorso da una quinta «verde», una lunga vasca di arbusti, alberelli e fiori, posta all’esterno della parete vetrata. Il Water Terminal, elemento particolarmente caratterizzante dell’intero progetto, è un edificio di 5.000 metri quadrati posto lungo il lato nordest della darsena e si sviluppa come un pettine che raccoglie il flusso dei passeggeri provenienti via acqua. Vista dal fronte acqueo, la struttura si configura come una successione ritmica di pieni e vuoti, i primi rappresentati dai pilastri di appoggio in mattoni, i secondi dalla campate che li separano e che ospitano gli attracchi dei motoscafi. In secondo piano, una vetrata identifica l’elemento trasversale della composizione, ossia la navata di attraversamento principale. Il richiamo all’architettura veneziana è ottenuto attraverso l’impiego dei caratteristici mattoni e della pietra d’Istria a cordonatura del piano di calpestio e della base dei pilastri. L’importo complessivo dei lavori è di 23.726.895,48 euro. Il termine dei lavori è previsto entro il primo trimestre 2016.

“In Save siamo abituati a far seguire alle parole i fatti – ha dichiarato Enrico Marchi, presidente di Save – Avevamo promesso che una volta sbloccato il Contratto di Programma avremmo fatto partire i cantieri delle nuove infrastrutture previste nel Master Plan, primo tra tutti quello del Moving Walkway, e così è stato. Riteniamo che oggi sia un giorno importante per l’aeroporto di Venezia che inaugura a tutti gli effetti una nuova stagione di lavori e cantieri, riconfermando il ruolo baricentrico dello scalo nel panorama economico del Nordest. Il progetto del Moving Walkway è la sintesi di un lavoro approfondito portato avanti insieme ai progettisti – ha proseguito Marchi - Nostra intenzione è realizzare un’opera importante anche da un punto di vista architettonico, in un continuum per forme e materiali con l’architettura veneziana, nel rispetto del delicato contesto ambientale. Abbiamo immaginato un percorso che dia al passeggero in arrivo allo scalo via acqua l’impressione, scendendo dal motoscafo o dal vaporetto, di entrare fin da subito in aeroporto attraverso una cavana, come nelle case veneziane. Appuntamento dunque tra un anno, a conclusione lavori, per inaugurare l’opera finita".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Attualità

L'assist del comandante: «Sì alle uscite nel rispetto delle regole»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento