rotate-mobile
Venerdì, 21 Gennaio 2022
Cronaca

Parte il processo Mose: 70mila pagine di fascicoli, 12 imputati

Udienza preliminare il 22 ottobre, otto le parti offese indicate dalla procura. Inizia l'ultimo capitolo di una delle più grosse vicende di corruzione in Italia

Caso Mose, dopo le indagini parte il processo: la data fissata per l'udienza preliminare è quella del 22 ottobre, alle 9.30, il luogo è la cittadella della giustizia di piazzale Roma, a Venezia, davanti al giudice dell'udienza preliminare Andrea Odoardo Comez. La notifica, come riporta il Gazzettino, è arrivata giovedì: sono dodici gli imputati per i quali la procura ha chiesto il rinvio a giudizio, otto le parti offese che avranno la possibilità di costituirsi parte civile per chiedere il risarcimento dei danni.

A difendersi saranno l'ex sindaco di Venezia Giorgio Orsoni e l’ex presidente del Consiglio regionale, Lia Sartori (per finanziamento illecito), l'ex ministro dell'Ambiente Altero Matteoli e l'imprenditore romano Erasmo Cinque (corruzione); Maria Giovanna Piva, ex presidente del Magistrato alle acque (corruzione); Vittorio Giuseppone, ex magistrato della Corte dei Conti (corruzione); Giovanni Artico, funzionario della Regione Veneto (corruzione); Nicola Falconi, imprenditore ed ex presidente dell'Ente Gondola (corruzione e finanziamento illecito); Danilo Turato, architetto (corruzione); Lino Brentan, ex amministratore dell'autostrada Venezia-Padova (concussione per induzione); Giancarlo Ruscitti, ex dirigente regionale (compenso per operazioni inesistenti); Corrado Crialese, ex presidente di Fintecna (millantato credito).

Le parti offese indicate dalla procura sono invece i ministeri delle Finanze, dello Sviluppo economico e dell’Ambiente, la Regione Veneto, il Comune di Venezia, il Consorzio Venezia Nuova, il Codacons e la società Fip Inustriale di Selvazzano Dentro. Gli imputati potranno chiedere di essere ammessi a patteggiamento o rito abbreviato, ma è più probabile che tutti o quasi cercheranno di dimostrare l’insussistenza delle accusa. L'inchiesta è contenuta in oltre 70mila pagine di documenti, verbali degli interrogatori, intercettazioni, relazioni della guardia di finanza, oltre alle sentenze di patteggiamento degli oltre venti imputati che hanno concordato una pena con confisca di denaro per evitare il processo (ad esempio Galan e Chisso).

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Parte il processo Mose: 70mila pagine di fascicoli, 12 imputati

VeneziaToday è in caricamento