menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Parco giochi innovativo a Villa Maniero: ideato dai bambini unirà natura e tecnologia

Giochi e giostre verranno interamente con materiale riciclato e in accordo con l'ambiente: squadre di designer e artigiani hanno collaborato con la scuola di Campolongo Maggiore

Design, riciclo, artigianato, progettazione partecipata: è stato presentato questa mattina a Campolongo Maggiore? il primo parco giochi che unisce fabbricazione digitale e sostenibilità ambientale. Nascerà nei giardini dell’ex villa del boss della mafia del Brenta Felice Maniero, ora confiscata e a disposizione della collettività. Questa mattina in Villa, con oltre 150 ragazzi delle medie e i loro insegnanti, la presentazione del progetto.

Dopo aver definito un concept di partenza, i designer di Rebiennale, di I’M Design e ManBott, la community di Scrapycle, insieme al FabLab, si sono incontrati con le scuole di Campolongo Maggiore e gli imprenditori artigiani della Cna.

Durante il mese di maggio si sono tenuti gli incontri progettuali tra creativi, scuole e imprenditori artigiani. Il concept da cui si è partiti è un concentrato di semplicità e libertà creativa: 6 moduli piramidali in legno, disponibili a piacimento sul terreno, tenuti insieme da giunti stampati in 3D. Legando queste strutture tra loro con pezzi di legno, corde, reti o vecchi pneumatici, verranno costruite nelle prossime settimane le giostre, dando forma al parco giochi. In questo percorso i designer sono stati ispirati dalla fantasia dei ragazzi delle scuole, che hanno fornito oltre 150 disegni e modellini.

Nella mattinata anche la firma di adesione di Coldiretti Venezia ad Affari Puliti. L’associazione presieduta da Iacopo Giraldo si occuperà della manutenzione dell’area verde e parco giochi (1.500 mq). “Siamo felici di poter collaborare ad un progetto così significativo per la cittadinanza, si tratta di un impegno e dimostrazione concreta a supporto della legalità. E’ un tassello in più per coldiretti che lotta quotidianamente contro le agromafie”, afferma il presidente di Coldiretti Venezia Giraldo durante la firma dell’accordo.


"E' un grande onore per noi accogliere tra i soci sostenitori di Affari Puliti la Coldiretti di Venezia, che si aggiunge ad altre associazioni di categoria che credono nel progetto - ha commentato Paolo Bordin, direttore di Affari Puliti - Il presidente Iacopo Giraldo ha capito l'importanza di fare rete per sostenere un'iniziativa così importante per i giovani imprenditori del territorio. In Affari Puliti sono numerose le iniziative che coinvolgono anche le scuole del territorio, come questa mattina, dove presentiamo i nuovi giochi che verranno realizzati nel parco della villa. Sono stati ideati dai ragazzi e realizzati con materiale riciclato. Alla realizzazione ha contribuito anche il Fablab, che opera all'interno della villa".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Attualità

L'isola di Santa Maria delle Grazie può uscire dall'abbandono

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento