menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Vinko Tomić in una foto diffusa anni fa, quando era ricercato

Vinko Tomić in una foto diffusa anni fa, quando era ricercato

Gli alias, le Pink Panthers, l'anello: chi è Vinko Tomić, la mente del furto a Palazzo Ducale

Le dichiarazioni del capo della banda nel 1995 al giudice delle Hawaii: «Tutta la mia famiglia è rimasta senza nulla da un giorno all'altro». Era ricercato anche in Svizzera

«Il mio villaggio è stato attaccato nel 1992 ed è stato completamente distrutto. Tutta la mia famiglia è rimasta senza nulla da un giorno all'altro. La mia unica speranza era di andare via da casa e fare qualsiasi cosa per aiutarli a sopravvivere». Era il 1995 quando Vinko Tomi? disse queste parole a un giudice delle Hawaii. All’epoca era finito nei guai per un presunto furto di orologi. È lui, secondo gli investigatori, la mente del clamoroso colpo a Palazzo Ducale dello scorso 3 gennaio. Colui che ha pianificato, organizzato, prelevato materialmente i gioielli dalla teca. «Un uomo difficilissimo da colpire», ha detto il dirigente della squadra mobile, Stefano Signoretti. Un uomo che alle spalle avrebbe una lunga serie di furti e rapine commessi in tutto il mondo. Da Londra a Las Vegas, da Hong Kong a Honolulu, da Monaco a Basilea. Qui, in Svizzera, nel 2011 durante lo svolgimento della mostra dedicata a gioielli e orologi «Baselworld2011» sparirono quattro diamanti del valore di otto milioni di franchi svizzeri. 

Gli alias e i social network

Basta scrivere il suo nome su internet ed è facile comprendere che Vinko Tomi? è conosciuto in tutto il mondo. Ma questo non è il suo unico nome. Col passare degli anni l’uomo, che viveva a Zagabria, avrebbe utilizzato diversi alias per sfuggire alla cattura. Alias, nickname sui social network che non sono sfuggiti agli investigatori. Proprio in uno dei suoi profili gli agenti della squadra mobile e dello Sco hanno intercettato una foto in cui Tomi? indossava lo stesso anello che portava il giorno del furto a Palazzo Ducale. E questo è uno dei tanti elementi che hanno incastrato non solo la mente del furto, ma anche i suoi complici. 

Le Pink Panthers

Vinko Tomi? sarebbe l’unico del gruppo legato alle «Pink Panthers», la rete internazionale protagonista di furti e rapine in tutto il mondo. Un’organizzazione che in origine era composta da ex militari reduci dalla guerra dei Balcani che ha colpito in diverse città. Tra i colpi più spettacolari delle Pink Panthers, la rapina commessa nel 2005 a Saint Tropez, con i banditi traverstiti da turisti, in pantaloncini e camicie a fiori, quella messa a segno a Dubai nel 2008, quando una limousine sfondò la vetrina di una gioielleria, fino a un assalto a Parigi, con tutti i membri del gruppo travestiti da donna. Il nome Pink Panthers venne dato al gruppo, che è a composizione variabile, dagli investigatori inglesi dopo un colpo a Londra. A casa della compagna di uno dei banditi venne trovata una pietra preziosa all'interno di una confezione di crema per il viso, come nel celebre film del 1963.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Veneto ancora in zona arancione, Confcommercio: «Siamo sconcertati»

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Addio arancione? Il Veneto vede la zona gialla dal 31 gennaio

  • Cronaca

    Una nuova rotatoria a Pianiga

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Marchio Igp per il vetro di Murano e il merletto di Burano

  • Cronaca

    Sport e attività motoria, cosa si può fare in Veneto: le Faq del Governo

  • Cronaca

    Ufficiali i nuovi colori: il Veneto resta arancione

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento