Mercoledì, 12 Maggio 2021
Cronaca

Le reazioni dopo l'arresto dell'"orco" di Mira: «Più severità contro violenze e femminicidi»

Appello dei candidati M5S in riferimento alla vicenda del 53enne finito in carcere giovedì dopo che per anni aveva pestato moglie e figli: "Riattivare il centro di ascolto in città"

Il diritto a non essere vittime di torture fisiche e psicologiche non va solo affermato a parole, va difeso con i fatti. È il parere di Orietta Vanin e Alvise Maniero, rispettivamente ex assessore ed ex sindaco del Comune di Mira: "Se tanto ci siamo impegnati nei 5 anni di governo della città per garantire supporto legale e psicologico gratuito alle vittime di violenza tramite il punto d'ascolto dello sportello donna ed il protocollo col pronto soccorso dell ospedale di Dolo, è stato proprio per prevenire orrori come quello reso noto in questi giorni". Giovedì un uomo di 53 anni è stato arrestato dai carabinieri con l'accusa di aver picchiato e umiliato per anni moglie e figli.

Appello al Comune: "Riattivate i servizi antiviolenza"

Continua Vanin: "Decine di donne hanno trovato il coraggio di iniziare un percorso che prima ancora di riscatto contro la violenza è spesso di rivendicazione della propria dignità, del rispetto per noi stesse, la prima cosa di cui chi commette questi abusi vuole privarci. Spesso a fare la differenza è, prima dell'azione legale, poter incontrare altre persone che ascoltino. E che facendo questo spezzino quella catena fatta di dolore silenzioso, di autocensura, di negazione". Aggiunge Maniero: "Mira è ormai da oltre 7 mesi senza i servizi antiviolenza dello sportello donna. Quando i nostri consiglieri hanno chiesto lumi alla nuova amministrazione, non hanno ricevuto risposte concreto. Preghiamo, di nuovo, l'amministrazione di attivarsi subito".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le reazioni dopo l'arresto dell'"orco" di Mira: «Più severità contro violenze e femminicidi»

VeneziaToday è in caricamento