menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Botte alla mamma e al fratello piccolo per anni: un trentenne in carcere

Lo hanno arrestato i carabinieri a Spinea. L'uomo era spesso alterato e fuori controllo a causa dell'uso di droghe

Un uomo di trent'anni, P.A., di Spinea, è stato arrestato dai carabinieri perché responsabile di maltrattamenti e lesioni nei confronti dei familiari. Secondo quanto ricostruito dagli investigatori, l'uomo aveva instaurato per anni un clima di terrore dentro casa, picchiando, umiliando e minacciando di morte la madre e il fratello minorenne. La violenza era dettata «inequivocabilmente» dall’uso di droghe, tanto che l’unico periodo di pace per la donna e il ragazzo era venuto nei mesi in cui il trentenne aveva intrapreso un periodo di disintossicazione in comunità.

Una volta rientrato a casa, però, tutto era tornato come prima: minacce e botte anche gravi, con diverse settimane di prognosi per le lesioni patite dai familiari. L’uomo si sfogava anche sugli oggetti e sui mobili, lanciando e rompendo tutto ciò che aveva intorno. Nei giorni del Natale, madre e figlio piccolo si sono decisi a denunciare le violenze e i carabinieri sono intervenuti velocemente, accertando i fatti e applicando il "codice rosso" sulla violenza domestica. Si contano centinaia di episodi, a partire almeno dal 2016. Il giudice ha concesso la misura cautelare in carcere e il provvedimento è stato eseguito ieri.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Attualità

Caldo anomalo, temperature record per febbraio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento