menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il grande cuore dei volontari della protezione civile: nel 2017 donate a tutti 33mila ore

Sabato mattina l'assessore competente, Giorgio D'Este, ha consegnato apparecchi per supportare i futuri interventi. Raddoppiate le ore di presenza in scenari d'emergenza

Un furgone da nove posti per il trasporto persone e attrezzature, due carrelli-appendice stradali per il trasporto dei materiali utili agli interventi, un forno a convezione per preparare pasti in emergenza e una torre faro per illuminare gli scenari di intervento: sono le nuove attrezzature, del valore complessivo di 40mila euro, su cui da oggi possono contare i Gruppi comunali di volontariato di protezione civile. A consegnare il nuovo mezzo e i materiali, a nome dell'amministrazione comunale, è stato sabato mattina, nella sede operativa del Gruppo volontari di Venezia terraferma, in via Mutinelli a Mestre, l'assessore comunale alla Protezione civile, Giorgio D’Este. Presenti inoltre l'assessore all'Ambiente, Massimiliano De Martin, e il dirigente del settore Protezione civile, Valerio Collini.

L'attività 2017

La cerimonia ha costituito anche l'occasione per tirare le somme sull'attività 2017, quando il grande cuore dei volontari ha operato nelle zone terremotate del Centro Italia, sul litorale dopo il maltempo che si è abbattuto su Cavallino-Treporti e nei tanti altri scenari d'emergenza che hanno caratterizzato il territorio del Veneziano. In tutto sono state 5mila le ore che hanno visto gli operatori della protezione civile impegnati, il 15% del totale delle ore (33mila) "donate" dai volontari alla collettività. 

Quattro gruppi comunali 

“Un grande ringraziamento - ha esordito l'assessore D’Este - lo rivolgo in primis ai nostri volontari, un gruppo forte e numeroso di persone dal cuore grande. Questa mattina, prima di questa consegna, siamo stati impegnati nella consueta riunione annuale per fare il punto sulle attività svolte, quantificando il numero degli interventi, delle ore di formazione, delle simulazioni e degli addestramenti. Il tutto a testimonianza della continuità nel servizio e della professionalità degli operatori di Protezione civile”. Nel nostro territorio operano quattro Gruppi comunali di protezione civile (Venezia Terraferma, Gruppo per l’Informazione e la Promozione della Sicurezza - GIPS, Venezia Città d'Acqua e Arte e Pellestrina San Pietro in Volta), che rappresentano la principale risorsa operativa di protezione civile dell’amministrazione e sono sostenuti dalla passione e dall’impegno di quasi 180 volontari. 

Donate 33mila ore

Nel corso del 2017 i volontari hanno dedicato quasi 33mila ore del loro tempo alle attività di Protezione civile, 2.200 ore più dello scorso anno. Il 12% circa di questo tempo è stato impegnato in “vita di gruppo”, cioè assemblee, riunioni, direttivi, cui si aggiungono oltre 1.100 ore (3% del tempo, 670 ore in più del 2016) spese in vari corsi di formazione. Il 20% del tempo, per un totale di 6.400 ore, è stato usato per la formazione interna, addestramento ed esercitazioni, organizzata e gestita direttamente dai volontari. L’attività logistica e di manutenzione dei mezzi e delle attrezzature in dotazione, di fondamentale importanza se si vuole fare affidamento su un parco attrezzature efficiente, ha pesato per il 19% del tempo. 

"Supporteremo la vostra attività"

“L’impegno dell’amministrazione nel supportare le attività dei volontari di Protezione civile - ha aggiunto a questo proposito D'Este - continuerà anche nei prossimi anni, soprattutto per ciò che concerne gli investimenti necessari al rinnovo del parco mezzi operativi stradali, che ha un'età media di quasi 20 anni. Da oggi iniziamo a sostituire i più vetusti, perché avere mezzi e attrezzature efficienti è essenziale per poter garantire interventi tempestivi ed efficaci per la salvaguardia della sicurezza della comunità”.

Le emergenze

Le emergenze hanno visto impegnati i volontari per 5.000 ore (il 15% del tempo, tre volte l’impegno del 2016), come ad esempio quella della scorsa estate sul litorale di Cavallino-Treporti, l’emergenza neve nelle zone terremotate del Centro Italia, che ha visto coinvolti 32 volontari per complessive 4250 ore, o il supporto logistico per l’incendio all’Ecocentro di Fusina. Ma la parte del leone l’hanno fatta gli eventi ad impatto locale, ai quali sono state dedicate quasi 8300 ore, un quarto del tempo complessivo: Carnevale, Redentore, Regata Storica, Venice Marathon, Vogalonga, Regata de la Sensa, Festival Show, Venice Night Trail, Venice Challenge, Maratonina di Mestre, Maratonella di Campalto, Festa della Reyer, Miss Italia, Roxy Bar.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Blue Monday: oggi è il giorno più triste dell'anno, ecco perché

Attualità

Chiude la sezione Covid 4 all'ospedale di Jesolo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento