menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Via alla maratona del volontariato: una tre giorni per aiutare gli altri

Erano almeno cinquecento giovedì in piazza Ferretto, ragazzi di 16, 18, 22 anni, tutti con la voglia di mettersi in gioco e fare la differenza, almeno per 72 ore

Sono arrivati da tutto il Veneziano e si sono dati appuntamento in piazza Ferretto, giovedì mattina, per dare il via alla “72 ore con le maniche in su”, l'iniziativa mestrina che impegna i ragazzi in tre giorni consecutivi di volontariato. Tacciati troppo spesso di essere pigri e poco intraprendenti, i giovani del territorio non hanno invece mancato di rispondere all'appello di don Dino Pistolato. Al centro di Mestre, come riporta il Gazzettino, si sono trovati quindi ragazzi di 16, 18, 22 anni, ma anche adulti di 40, tutti accomunati dal desiderio di mettersi a disposizione del prossimo. In totale sono almeno in cinquecento ad aver risposto all'appello, tra chi era già presente gli anni passati a chi ha deciso per la prima volta di mettersi in gioco: saranno mandati in enti e associazioni di tutta la Provincia, per aiutare e mettersi a completa disposizione. Tra le motivazioni c'è la voglia di fare qualcosa di utile e concreto con le proprie mani, il desiderio di dare una mano a realtà positive e la speranza di fare la differenza per qualcuno, almeno per 72 ore (anche se in molti non nascondono di stare riflettendo sulla possibilità di un impegno continuativo). Domenica, alle 15, si ritroveranno tutti al Palaplip di via San Donà per la grande festa conclusiva, ma nel frattempo l'essenziale è arrotolarsi le maniche e non aver paura di darsi da fare.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento