menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Vongole della laguna di Venezia

Vongole della laguna di Venezia

Un apparato per sorvegliare e proteggere la nursery della vongola

Avviata la vigilanza della zona Verto Nord, nell’area prospicente Fusina dove «intere aree vengono depredate a danno dell'equilibrio ambientale lagunare e dei tanti allevatori onesti»

Ormai si è dovuto organizzare un apparato di sorveglianza per proteggere la vongola in laguna. La Città metropolitana ha fatto sapere che da lunedì 27 maggio è entrata in azione la San Servolo Servizi, per vigilare notte e giorno la zona Verto Nord, nell’area prospicente Fusina, dove si deposita e si riproduce naturalmente il seme della vongola. Troppo spesso il mollusco è oggetto di una vera e propria rapina, venduto poi in modo illegale, e senza rispetto delle norme sanitarie.

Gli operatori

I controlli hanno come obiettivo quello di tutelare una attività indispensabile per il settore della pesca a favore dei 532 operatori del settore che attendono questo evento naturale per fare scorta di mitili e introdurli nei propri appezzamenti di laguna ottenuti in sub concessione. «Su precisa indicazione del sindaco metropolitano Luigi Brugnaro abbiamo attivato questo servizio per garantire l’attività a cui si dedicano centinaia di pescatori del nostro territorio e che rappresenta la principale fonte di guadagno per moltissime famiglie di allevatori di molluschi – spiega Andrea Berro, amministratore unico di San Servolo srl –. Eviteremo che vengano depredate zone della laguna, tutelando così l'equilibrio ambientale lagunare».

La polizia ambientale

Le operazioni di vigilanza diurna saranno, infatti, svolte da una pattuglia della polizia ambientale della Città metropolitana che già è impegnata in questi controlli lagunari essendo uno dei suoi compiti istituzionali, mentre la novità del servizio sarà la sorveglianza notturna: un’iniziativa mai messa in atto in precedenza, e che la San Servolo servizi ha affidato tramite un bando di gara ad una società esterna specializzata in questo tipo di mansione. I ladri colti in fragranza di reato, rischieranno pene severe».

I soci

«Hanno espresso parere favorevole, all’avvio della vigilanza armata dell’area nursery, 66 società su 68, in rappresentanza di 437 soci - conclude Berro - L'ampio consenso registrato conferma la validità dell'azione intrapresa al fine di salvaguardare e sviluppare l'attività dei sub-concessionari e garantire benessere alle numerose famiglie legate all'andamento di questo delicato quanto importante comparto lavorativo».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sì al turismo, «strategico per la ripresa economica». Adesioni di cittadini e operatori

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento