Centri estivi e parchi divertimento: nel fine settimana nuova ordinanza in Veneto

Zaia ha annunciato che metterà la firma sulle nuove disposizioni per i centri e attività sociali che prevedono grandi assembramenti di persone

Luca Zaia nel corso della conferenza stampa di oggi a Marghera

Nella giornata in cui la maggior parte delle attività ha ripreso a funzionare, pur rispettando determinati paletti, si guarda a chi è costretto, ancora, a tenere le serrande abbassate. È il caso di luna park, parchi divertimento in genere che comportano un grande assembramento di persone e per i quali l'apertura è stata giudicata ancora prematura.

Parchi divertimento e centri estivi

Nel corso del consueto stampa dalla sede della protezione civile di Venezia, il presidente della Regione Veneto Luca Zaia ha annunciato che nel fine settimana firmerà una nuova ordinanza che fisserà le date per la riapertura e tutte le linee guida da rispettare per farlo in estrema sicurezza.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il governatore è tornato anche sull'argomento dei centri estivi, le cui aperture sono di fondamentale importanza per tutti quei genitori che hanno già ripreso e riprenderanno a lavorare in questi giorni, a fronte di asili nido e scuole materne chiuse. «Il nuovo dpcm - ha spiegato Zaia - prevede la riapertura. Dobbiamo fare un'ultima ricognizione con l'assessore Lanzarin e poi pensiamo di sbloccare con successo anche questa partita». Anche su questo fronte ci saranno novità entro il fine settimana.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vittoria di Brugnaro, sarà sindaco di Venezia per altri cinque anni

  • Elezioni 2020: Zaia storico sfiora il 77%, la sua civica al 44,63%

  • Ponte dei Assassini: il luogo che ha impedito ai veneziani di portare la barba lunga

  • Una soluzione "chiavi in mano" per ricostruire casa con il superbonus 110%

  • La storia del macellaio assassino che ha dato il nome alla Riva de Biasio

  • Colpo grosso a Mestre: il Gratta e Vinci vale 150mila euro

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento