Il Giardino della Marinaressa resta, sarà curato anche dopo la Biennale

Peter Murray, direttore di Yorkshire Sculpture Park, annuncia l'impegno a manutenere il parco che ospita la mostra di Ursula von Rydingsvard

Il “nuovo” Giardino della Marinaressa vivrà anche dopo la Biennale d’Arte. Ad annunciarlo è Peter Murray, fondatore e direttore esecutivo di Yorkshire Sculpture Park, in occasione della presentazione in anteprima alla stampa del documentario che racconta il progetto promosso a Venezia dalla prestigiosa istituzione inglese con la mostra di sei grandi sculture dell’artista americana Ursula von Rydingsvard e il completo rifacimento dell’area verde in Riva Sette Martiri.

YSP si è resa infatti disponibile a finanziare la manutenzione settimanale del Giardino della Marinaressa, e la prestigiosa istituzione inglese è intenzionata a tornare a Venezia in futuro con un’altra mostra. L’occasione per tirare le fila del progetto l’ha fornita la presentazione del documentario che racconta i lavori di rifacimento del parco - costati circa 100mila euro e interamente finanziati da privati - e l’allestimento delle sculture fino all’inaugurazione, così come l’impegno in prima persona dell’artista per coinvolgere i residenti nel progetto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dunque le sei isole che ora ospitano le sculture, così come annunciato fin dall’inizio, non saranno rimosse e anzi c’è l’auspicio che possano essere riutilizzate in futuro per altre mostre. "Poter realizzare questa mostra a Venezia è stata una magnifica esperienza e il progetto ha avuto una grandissima risposta sia da parte del pubblico italiano che internazionale, con oltre 40mila visitatori in meno di 6 mesi - spiega Peter Murray - abbiamo stretto degli importanti accordi e incontrato persone meravigliose, per questo saremmo felici di poter tornare a Venezia in futuro con un’altra mostra".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sorpresi a fare sesso in strada, multa di 20mila euro

  • Centri autorizzati assistenza fiscale (Caaf) e Caf: indirizzi delle sedi a Venezia

  • Spara e uccide l'ex marito della compagna: arrestato

  • "Reato di procurato allarme": presentato un esposto contro il presidente Luca Zaia

  • Controlli più restrittivi su chi torna da fuori Europa: la nuova ordinanza regionale

  • Ratti e scarsa igiene: chiuso ristorante etnico di Dolo

Torna su
VeneziaToday è in caricamento