Cronaca

Per Zaia il problema non sono ristoranti e palestre: «Bisognava puntare su assembramenti»

Il commento a caldo del governatore veneto sul nuovo Dpcm, che impone, tra le altre misure, chiusure di palestre e piscine e di abbassare le saracinesche dei locali alle 18

Luca Zaia (foto d'archivio)

«Se avessi dovuto scrivere io il Dpcm, avrei puntato sugli assembramenti, perché sono i momenti di aggregazione senza distanziamento sociale che rischiano di diffondere il virus». È questo il commento a caldo del governatore veneto Luca Zaia, ad Antenna 3, sul nuovo decreto che impone chiusura di palestre e piscine e il giù delle serrande per locali e ristoranti alle 18. Per il presidente del Veneto, era necessario adottare il buon senso: «La chiusura alle 23 sarebbe stata ragionevole».

«I ristoranti rispettano le norme anti-covid»

«Noi veneti non siamo irresponsabili, - ha spiegato Zaia - abbiamo subito un lockdown pesante e l'abbiamo rispettato. Gli operatori delle palestre e delle altre attività hanno fatto grandi investimenti, dire a una categoria ristretta che il problema sono loro...Staremo a vedere se la curva del contagio cambia». Il governatore ha spiegato di essere convinto che il trend, con le misure prese, non avrà grosse modificazioni. Il fatto principale, ha aggiunto, è che «molte di queste imprese rischieranno di non riaprire più, c'è preoccupazione. Non abbiamo contezza di infezioni, di focolai nei ristoranti, perché rispettano tutte le norme anti-covid».

Il presidente veneto si è dimostrato particolarmente critico con Roma: «Di ascolto non ce n'è stato, - ha concluso - di fatto il Governo ha scelto questa strada da solo, approvando il Dpcm senza accogliere la minima modifica richiesta dalle Regioni».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Per Zaia il problema non sono ristoranti e palestre: «Bisognava puntare su assembramenti»

VeneziaToday è in caricamento