Pressione su ospedali, Zaia: «Non riversatevi in pronto soccorso, chiamate prima il medico»

Il governatore, nel corso del punto stampa di oggi, ha specificato come il 60% di chi si reca al pronto soccorso con sintomi covid torni poi a casa

Tanti positivi rispetto a marzo, ma con un numero di tamponi effettuato nettamente superiore. Accessi ai pronto soccorso più che raddoppiati, metà delle terapie intensive attivate. Sono solo alcuni dei dati forniti dal presidente del Veneto Luca Zaia nel corso della conferenza stampa dalla sede della protezione civile di Marghera.

L'appello di Zaia: «Contattate prima il medico di base»

Ad oggi, la maggior emergenza sul fronte coronavirus è quella legata agli accessi al pronto soccorso. Rispetto alla prima fase del virus, infatti, sono raddoppiati, e questo comporta delle difficoltà notevoli per il sistema sanitario e aumenta la possibilità di infettarsi per i cittadini. L'appello del governatore, oggi, è quello di rivolgersi sempre al medico di famiglia prima di riversarsi negli ospedali: «Oggi se andiamo a vedere l'andamento dal 21 febbraio in poi, - ha detto il governatore - vediamo che abbiamo il doppio degli accessi al pronto soccorso del periodo covid primaverile. Per questo è bene riferire in primis al medico di base, perché la maggior parte di chi accede al pronto soccorso (il 60%) poi torna a casa. Non ha senso mettere a repentaglio la propria salute in questo modo, anche perché in pronto soccorso le occasioni di infezioni sono ubiquitarie».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza in Veneto: novità per le attività commerciali e limitazioni in vigore

  • Venezia fa il pieno di stelle Michelin, 8 i ristoranti premiati

  • Perché conviene stendere il bucato all'aperto anche in inverno

  • Domani nuova ordinanza in Veneto, Zaia: «Misure per garantire la salute pubblica»

  • Nuova ordinanza in Veneto: «Il sabato medi e grandi negozi posso rimanere aperti»

  • Addio ad Andrea Michielan, morto a 21 anni

Torna su
VeneziaToday è in caricamento