menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Zaia: "Assurda idea della tendopoli, non c'è più posto per i profughi"

Il governatore punta il dito contro il governo che, dice, non riesce a ottenere sostegno per l'accoglienza dal resto dell'Europa. "Sono loro i veri razzisti"

È un "no" secco, quello del governatore del Veneto Luca Zaia riguardo alla proposta di allestire tendopoli per accogliere i profughi in provincia di Venezia: "Equivale a creare veri e propri ghetti ingestibili". Il presidente della Regione la ritiene una soluzione anche peggiore di quella delle caserme dismesse, adottata in precedenza. Un sistema che secondo lui offenderebbe la dignità delle persone e alimenterebbe le tensioni sociali.

Gli spazi sono ormai esauriti, come ha ricordato anche il prefetto, e ora accogliere i nuovi arrivi previsti si fa molto difficile. Tanto che il governatore avrebbe chiesto al governo di prendere atto che di spazio non ce n'è più: "La situazione è arrivata alla totale insostenibilità, bisogna comportarsi di conseguenza. Se è vero che i profughi dimoranti oggi in Veneto sono circa 2mila - ha precisato - è altrettanto vero che qui ne sono già arrivati e passati oltre 7mila, moltissimi dei quali sono ora dei fantasmi che vagano senza speranza, ma anche senza controllo".

Insomma, secondo Zaia va posto un freno al caos che si sta creando con una operazione umanitaria che ormai non ha più controllo. Perché, dice il governatore, il territorio non è più in grado di accogliere persone senza poterle trattare con la dignità che meritano come esseri umani. Almeno fino a quando il governo non otterrà solidarietà vera dal resto dell'Europa, con un'equa distribuzione dell'accoglienza in tutti i Paesi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Assegno unico figli 250 euro al mese: come ottenerlo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento