rotate-mobile
Cronaca

Zaia: «Il Covid è stata una delle più grandi tragedie dell'umanità»

Il governatore ha celebrato con una lunga conferenza stampa i due anni dall'inizio della pandemia

«Abbiamo vissuto una delle più grandi tragedie della storia dell'umanità. L’abbiamo vissuta in real time». Con queste parole il presidente della Regione, Luca Zaia, ha cominciato un lungo ricorso sui due anni dall'inizio della pandemia, nel corso di un punto stampa dalla sede della protezione civile di Marghera.

«Dobbiamo ringraziare tutto il personale sanitario e i volontari della protezione civile, ma in generale tutto il popolo veneto: il 90% si è vaccinato e ha creduto al rispetto delle norme anti-Covid. Abbiamo vissuto una delle più grandi tragedie della storia dell'umanità, una peste che ha fermato il mondo intero. Non ultimi ringrazio i bambini, il mio faro. Sono loro che hanno sofferto di più lo stare chiusi in casa. E grazie anche al coraggio e alla professionalità dei giornalisti per aver informato e raccontato alla popolazione questa tragedia senza pari».

Per Zaia la pandemia ha insegnato che serve una svolta nel campo della sanità pubblica. «Questo paese - ha spiegato il governatore - ha l'obbligo morale che il decreto ministeriale sui posti letto per abitante vada cambiato, ce ne vogliono di più. Bisogna investire nei professionisti, nelle assunzioni e negli stipendi, per essere più professionalizzanti e più attrattivi; la sanità da una visione analogica deve andare spostarsi verso una sempre più digitale e fortemente orientata sull'intelligenza artificiale. Il che non vuole dire meno professionisti, ma sappiamo che le nuove tecnologie permetteranno di curare meglio e di assistere meglio».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Zaia: «Il Covid è stata una delle più grandi tragedie dell'umanità»

VeneziaToday è in caricamento