Immigrazione, Zaia duro: "Più crescono i numeri, più aumentano i delinquenti"

Dure parole del presidente della Regione Veneto, che indica l'Italia come il ventre molle dell'Europa: "Perché pagare per i reati è l'eccezione che conferma la regola"

"Se è vero, com’è vero, che non tutti gli immigrati sono malfattori, è altrettanto vero che, più ne arrivano, più si alza la quota dei delinquenti. I segnali sono inquietanti e univoci. Vertici di parole servono a ben poco, così com’è inutile indicare qualche rara presunta rondine, che non fa primavera, in un panorama che più fosco non si può". Con queste parole il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, lancia un nuovo allarme sulla "preoccupante recrudescenza dei reati commessi da persone immigrate, che di certo non sfuggono né dalla fame, né dalla guerra, né dalle discriminazioni, ma semplicemente hanno capito che l’Italia è il ventre molle del mondo intero e che pagare per un reato commesso è purtroppo l’eccezione che conferma la regola".

Zaia punta il dito, ad esempio, sulla situazione di Cona e sui polmoni verdi di Venezia. "Si chieda come stanno davvero le cose ai sindaci di Cona, Bagnoli e Agna, si chieda alla brava gente che frequentava i parchi di Mestre prima che decine di sedicenti profughi si appropriassero del racket e dello spaccio di droga, si chieda a chi frequenta Venezia, destinazione turistica mondiale, dove in poche settimane risultano raddoppiati gli immigrati che mendicano, in modo a volte anche aggressivo".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Tutto questo - conclude Zaia - grazie all’ipocrisia buonista italiana e al razzismo istituzionale europeo. Di mezzo ci siamo noi, c’è la brava gente, ci sono le donne che devono guardarsi le spalle sempre più spesso, i ragazzini tirati dentro nella droga nei parchi, ed è una ferita per uno Stato che voglia essere degno di chiamarsi tale". Gli fa eco Sergio Berlato, consigliere regionale: "Bisogna chiudere Cona e Agna sono due bombe ad orologeria pronte ad esplodere. La situazione di forte tensione sociale non accenna a diminuire, anzi, tende ad aumentare".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza in Veneto: la mascherina non sarà più sempre obbligatoria

  • Dagli scavi in A4 è emersa un’imponente struttura di epoca romana

  • Bacaro chiuso 5 giorni per violazione delle norme anti-Covid

  • Incendio ad un'azienda agricola in Riviera

  • Dal primo giugno tutto il personale Actv torna in servizio

  • Casa del sesso in centro a Mestre: arrestata una donna

Torna su
VeneziaToday è in caricamento