Giovedì, 29 Luglio 2021
Cronaca

Zaia: «Più restrizioni fino all'Epifania. Se non ci pensa il Governo, le imponiamo noi»

Il governatore ha spiegato nel corso della conferenza con i ministri di oggi che è indispensabile imporre limitazioni pesanti nel corso delle prossime festività, così come nel prossimo weekend

«Servono delle misure da zona rossa fino all'Epifania». Lo ha affermato questa mattina il presidente del Veneto Luca Zaia, come riporta AdnKronos, nel corso della riunione con il Governatore. a spiegato con decisione che se non ci sarà il pugno di ferro da Roma, la Regione non starà a guardare e imporrà delle restrizioni pesanti. La richiesta, di fatto, è quella di un "semi lockdown" per tutte le feste di Natale e almeno fino alla Befana.

Nel corso del punto stampa dalla sede delle protezione civile di Marghera, ha poi ripreso in mano la questione, specificando che misure immediate servono già a partire dal weekend. «Ho detto a Roma che abbiamo necessità di adottare delle misure come Veneto e di capire se si chiude davvero a breve la partita nazionale, visto anche che il weekend si avvicina, altrimenti le restrizioni le adottiamo noi». Come aveva già rimarcato anche nel corso della conferenza di ieri, Zaia ha detto che ogni azione governativa «deve essere supportata dai giusti ristori, questo deve essere il vantaggio di una misura nazionale».

Zaia: «L'area arancione non è sufficiente»

Il Governo sta pensando a una restrizione nazionale, «io ho chiesto che venga diffusa stasera o domani, altrimenti dovremo adottare una soluzione tutta regionale». Il governatore ha anche spiegato che l'area arancione prevede la chiusura tra Comuni e quella di bar e ristoranti: il resto rimarrebbe invece aperto, quindi la situazione sul fronte della diffusione del virus non cambierebbe troppo. «Non ho comunque proposto una zona rossa, non siamo entrati nello specifico, - ha chiosato Zaia - abbiamo solo parlato di misure restrittive».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Zaia: «Più restrizioni fino all'Epifania. Se non ci pensa il Governo, le imponiamo noi»

VeneziaToday è in caricamento