Zaia: «Siamo vicini alla fase acuta: ieri 12 terapie intensive, oggi 10 ed è ancora lunga»

Le parole nel punto stampa dalla protezione civile di Marghera. Il governatore ha chiesto sacrifici e rispetto delle norme anti-contagio al popolo veneto

«Ieri abbiamo caricato 12 terapie intensive, oggi ce ne sono una decina in 12 ore e la giornata è ancora lunga. Ci stiamo avvicinando alla fase più acuta del contagio. Le ultime due sono state delle giornate impegnative». Queste le prime parole del presidente della Regione Luca Zaia nel corso del punto stampa di oggi dalla sede della protezione civile di Marghera.

Il governatore è tornato sull'aumento dei ricoveri ospedalieri per covid, che sta comportando pressione da alcune settimane, specie in area non critica, e la conseguente contrazione dei normali servizi sanitari. Ha fatto quindi un ulteriore appello a tutti i cittadini di portare sempre la mascherina, anche quando si recano in visita a genitori e familiari che non abitano più sotto lo stesso tetto, e di mettersi immediatamente in isolamento nel caso in cui si sperimentino dei sintomi assimilabili a covid, in attesa dei test opportuni per valutare o meno la positività.

Articolo in aggiornamento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza in Veneto: novità per le attività commerciali e limitazioni in vigore

  • Venezia fa il pieno di stelle Michelin, 8 i ristoranti premiati

  • Perché conviene stendere il bucato all'aperto anche in inverno

  • Domani nuova ordinanza in Veneto, Zaia: «Misure per garantire la salute pubblica»

  • Nuova ordinanza in Veneto: «Il sabato medi e grandi negozi posso rimanere aperti»

  • Addio ad Andrea Michielan, morto a 21 anni

Torna su
VeneziaToday è in caricamento