rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Cronaca

L'opposizione si chiede perché un terzo dei vaccini sia nei frigoriferi. Zaia: «Scelta prudenziale»

Il governatore ha spiegato oggi (ma lo aveva già fatto in passato), che le dosi sono tenute da parte per garantire i richiami, nel caso di improvvisi tagli di forniture

«Come mai le operazione di vaccinazioni procedono così a rilento? Ci sono Regioni molto avanti e altre drammaticamente indietro. Ad oggi risulta che quasi un terzo delle dosi, il 30%, sia ancora nei frigoriferi, per quanto riguarda AstraZeneca i numeri sono molto più elevati». L'interrogativo è posto dai consiglieri del PD Veneto, la risposta è arrivata oggi dal presidente di Regione Luca Zaia, nel corso del punto stampa dalla sede della protezione civile di Marghera. «Se il Veneto è a metà classifica per tasso di utilizzo delle dosi di vaccino ricevute - ha detto - è una scelta voluta, prudenziale».

Necessità di garantire la seconda dose

Il governatore ha spiegato che a pieno regime la macchina della vaccinazione veneta può superare le 20mila dosi giornaliere, quando saranno arruolati i medici, invece, la cifra potrà essere ritoccata fino a 50mila. In Veneto, come ha spiegato Zaia, non ci sono difficoltà a fare vaccini, il problema è un altro: «Abbiamo una certezza su carta che arriveranno le forniture, - ha spiegato - ma prudenzialmente le accantoniamo. Abbiamo una platea di persone che hanno avuto la prima dose. Voi avete presente trovarvi a dire alle persone che la seconda dose non c'è perché deve ancora arrivare?».

Il punto stampa è stata anche l'occasione per fare chiarezza sull'impistazione della campagna vaccinale degli over 80, ossia sul perché si stato deciso di partire con la classe 1941 a salire. Dopo le lamentele avanzate nei giorni scorsi da sindacati e opposizioni politiche, Zaia e il ministro alla Sanità Manuela Lanzarin hanno spiegato che la decisione è stata presa «valutando la mobilità, le relazioni sociali e la numerosità della popolazione. Umanamente spiace, ma non avendo vaccini o inizi da sopra o inizi da sotto. Se avessimo iniziato dai 107enni andando in giù avremo avuto una platea più ampia di 80enni che si lamentavano».

Sempre per quanto riguarda i più anziani, che devono ancora ricevere comunicazioni rispetto al momento della loro vaccinazione, è in corso di ultimazione la pianificazione, ma la velocità di chiamata delle coorti sarà maggiore, perché man mano che si sale con l'età la numerosità della popolazione diminuisce.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'opposizione si chiede perché un terzo dei vaccini sia nei frigoriferi. Zaia: «Scelta prudenziale»

VeneziaToday è in caricamento