Cronaca

Zaia: «Vaccini aperti a tutti da fine maggio» e «incrocio le dita per la zona bianca»

Il presidente del Veneto è intervenuto questa mattina a Mattino 5, all'indomani della cabina di regia governativa che ha stabilito il calendario per la riapertura graduale dell'Italia

Si va verso una vaccinazione aperta a tutti, presumibilmente dalla fine di maggio e a patto che continuino ad arrivare le forniture di siero - che già da questa settimana caleranno a 200mila ogni 7 giorni per tutto il territorio regionale. A confermarlo è stato il presidente del Veneto Luca Zaia, intervenuto oggi a Mattino 5. «Siamo i primi in Italia per vaccinazioni, - ha detto - abbiamo aperto ai 40enni e immagino che a breve si possa pensare ad un "liberi tutti"».

Ad oggi, a livello regionale, il 98% degli over 80 risulta vaccinato, così come l'83% degli over 70 e il 70% degli over 60. Con le categorie più a rischio coperte, il governatore prevede quindi un'apertura totale «perlomeno per chi vorrà essere vaccinato».

Dita incrociate per la zona bianca

Dopo la cabina di regia ieri al governo, oltre al calendario graduale delle riaperture è stata anche reintrodotta la zona bianca, a cui il Veneto potrebbe ambire già a partire dal 6 o 7 giugno. «Io tifo per il passaggio in fascia bianca, - ha detto Zaia incrociando le dita - già oggi dovremmo avere un'incidenza ogni 100mila abitanti inferiore a 50». Come noto, per passare alla fascia di rischio più bassa, quelle che prevederebbe l'eliminazione immediata del coprifuoco e una vita pressoché normale, bisogna mantenere il parametro per almeno 3 settimane, ecco perché, nella migliore delle ipotesi, il Veneto potrebbe "tingersi di bianco" non prima della seconda settimana di giugno.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Zaia: «Vaccini aperti a tutti da fine maggio» e «incrocio le dita per la zona bianca»

VeneziaToday è in caricamento