Cronaca

Nuova classificazione fasce colorate, Zaia rassicura: «Veneto resta in zona bianca»

Con il vecchio sistema dell'Rt, il Veneto avrebbe rischiato la fascia arancione. I nuovi parametri ospedalieri, invece, permettono la permanenza "in bianco". Il governatore ha annunciato anche un "fast vax", con 100mila nuove dosi di vaccino disponibili

«Tranquillizziamo i veneti, restiamo in zona bianca, alla luce dei nuovi parametri». Lo ha detto oggi il governatore Luca Zaia, nel corso di un punto stampa dalla sede delle protezione civile di Marghera, in vista della nuova classificazione delle Regioni nelle fasce rischio, prevista per questo fine settimana.

«Nonostante anche in questo caso ci fossero "gli esperti di tutto", si è visto - ha aggiunto Zaia - che non era un atto delinquenziale chiedere una modifica dei parametri. Con quelli precedenti noi oggi saremmo tranquillamente in zona arancione, avremmo già  i negozi chiusi e tutto il resto. Perché saremmo passati già prima in zona gialla, e se ci fosse ancora il parametro Rt, con 700-800 contagiati al giorno, saremmo schizzati in zona arancione, con le chiusure, ma allo stesso tempo con ospedali pressoché vuoti».

Zaia annuncia un "fast vax"

Il governatore ha spiegato che dalla mezzanotte di domani, saranno aperte nuove agende straordinarie con le quali la Regione garantirà 100mila dosi di Pfizer e Moderna. «Sarà una sorta di "fast vax" - ha spiegatto Zaia - che si aggiunge ai 200mila vaccini disponibili fino all'8 settembre. Vedremo come andrà, se funziona ripeteremo l'esperimento».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuova classificazione fasce colorate, Zaia rassicura: «Veneto resta in zona bianca»

VeneziaToday è in caricamento