Cronaca

Zaia: «Il Veneto ha indicatori da zona gialla, ma non conosciamo la nuova valutazione»

Il governatore ha rimarcato che anche la scorsa settimana la nostra Regione aveva parametri per essere inserita nella fascia di rischio più bassa. Nella circostanza aveva pesato il dato sull'ospedalizzazione. Atteso per oggi il nuovo report dell'Iss

Oggi è il giorno atteso in cui l'istituto superiore di sanità (Iss) pubblicherà il report aggiornato sulla situazione epidemiologica in Italia. Il presidente della Regione Luca Zaia, nel corso del punto stampa di oggi dalla sede della protezione civile di Marghera, ha confermato che gli indicatori per il Veneto sono sempre stati da zona gialla. «Non sappiamo ancora quale sarà la nostra valutazione, - ha spiegato - Ci è stata data nell'ultima settimana zona arancione perché eravamo a rischio alto sul fronte dell'ospedalizzazione. Non so però come si tradurrà nella valutazione odierna».

La scorsa settimana l'Rt in Veneto era assestato a 0,96, un dato che avrebbe per l'appunto consentito di ritrovare la zona gialla. Un valore per quanto di poco inferiore a 1, valore con cui si accede a quella arancione. Ad oggi, invece, il valore dell'Rt dovrebbe essere 0,82. Il trend dei contagi è in graduale ma costante diminuzione e sul fronte dell'ospedalizzazione ci sono meno accessi; tradotto: le condizioni per rientrare in una fascia di rischio più bassa ci sono, bisognerà attendere però il confronto tra cabina di regia e ministro della Salute Roberto Speranza, a cui spetterà poi decidere sulla rimodulazione dello scacchiere colorato dell'Italia.

Articolo in aggiornamento

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Zaia: «Il Veneto ha indicatori da zona gialla, ma non conosciamo la nuova valutazione»

VeneziaToday è in caricamento