menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Musica nei locali notturni: "Misurazione dei livelli acustici alla polizia locale"

Il sindaco di Jesolo ha inviato una lettera alla Regione, per chiedere che gli agenti siano sostituiti ai tecnici Arpav, unici abilitati a questo tipo di rilievi al momento

Con una lettera a firma del sindaco Zoggia, il Comune di Jesolo ha deciso di chiedere la delega alla Regione di poter affidare agli agenti della polizia locale il compito della misurazione dei livelli acustici dei locali notturni al posto dei tecnici dell’Arpav. Una richiesta che è stata presentata all’assessore regionale di riferimento e che conclude un percorso di adeguamento e di confronto con le categorie che ha un unico obiettivo, quello di agevolare il lavoro di tutti i locali jesolani e di tutelare i suoi operatori turistici che si occupano di accoglienza, intrattenimento e divertimento notturno. Un documento che nasce anche da una specifica richiesta degli operatori del settore: avere la certezza che gli operatori della polizia municipale in caso di accertamento del livello acustico emesso dal locale possano verificare in maniera precisa con uno strumento certificato e non solo con l’ascolto dall’esterno del locale la presenza o meno di violazioni.

"L’impegno che stiamo profondendo per questo tema sta tenendo conto di ogni aspetto - spiega il sindaco Valerio Zoggia - Da quello legale, a quello penale ma soprattutto a quello pratico. Non c’è nessun muro contro muro, non c’è nessuna intenzione di andare contro gli interessi di alcuni per favorire quelli di altri, non vogliamo assolutamente, come più volte ribadito, zittire la musica a Jesolo. È sempre stata nostra volontà e intenzione trovare un equilibrio nel rispetto della legge e soprattutto a tutela di chi facendo musica per i giovani nelle ore notturne ma anche per chi la usa come intrattenimento per i turisti nelle ore serali, contribuisce a rendere ospitale, accogliente e competitiva la nostra località balneare".

Secondo quanto verrà presentato in sede regionale si chiederà l’utilizzo dei fonometri che abitualmente vengono impiegati dal personale dell’Arpav, l’unico finora deputato a svolgere i rilievi acustici ambientali, da parte degli agenti della polizia locale, regolarmente formati, per poter intervenire nella misurazione del livello acustico nel momento in cui venisse richiesto. "L’Arpav dispone solo di pochi operatori per tutto il Veneto per effettuare questo compito - afferma l'assessore Ennio Valiante - Utilizzando il personale della polizia locale ovviamo anche ad una carenza strutturale del servizio e possiamo intervenire in maniera più veloce ma anche e soprattutto con personale che già conosce il territorio e i gestori e le loro dotazioni acustiche oltre che gli orari di apertura e le concessioni in termini di licenze. Questo eviterà spiacevoli inconvenienti e, ci auguriamo, come avvenuto la scorsa estate dopo l’introduzione del nuovo regolamento acustico approvato dal consiglio comunale, sanzioni penali di sequestro".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento