menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Proposta post-tornado: "Spese di ricostruzione deducibili al 100%"

La proposta sarà sottoposta al Governo per la legge di stabilità: "Una spinta perché le aziende tornino ai livelli di produzione del passato"

Aiuti alle imprese per ripartire, anche sotto forma di agevolazioni fiscali: è la proposta emersa in seguito all'incontro di lunedì a Dolo tra le categorie economiche veneziane (Confindustria, Confartigianato, Confcommercio, Coldiretti e Cia), il sottosegretario Enrico Zanetti e una delegazione di parlamentari veneti di Pd, Lega, Movimento 5 Stelle e Forza Italia, oltre che i sindaci di Dolo e Mira. Tema del tavolo era l'emergenza maltempo. "Assieme ai colleghi - annuncia Davide Zoggia, parlamentare del Pd - sottoporrò immediatamente all'attenzione del Governo le istanze emerse dalle categorie produttive duramente colpite dal maltempo abbattutosi sulla Riviera del Brenta a luglio scorso".

"Tra le possibili azioni da implementare nella legge di stabilità recentemente approvata - specifica Zoggia - condivido l'estensione totale della deducibilità delle spese di manutenzione, riparazione, ammodernamento e trasformazione, sostenute per la riparazione dei beni danneggiati dagli eventi calamitosi". Dalla fiscalità, secondo il parlamentare, deve partire una spinta perché il comparto produttivo del Brenta e le sue aziende, seriamente danneggiate dal maltempo, ritornino al più presto ai livelli di eccellenza del passato.

"La devastazione è ancora sotto gli occhi di tutti - spiegano le categorie - I soli danni diretti ammontano ad oltre 70 milioni di euro e nonostante i continui appelli, a quasi tre mesi di distanza, nessuna risorsa è arrivata da parte del Governo centrale". Il provvedimento più urgente invocato da tutte le categorie è proprio la richiesta di deducibilità totale delle spese di ripristino di capannoni, impianti e attrezzature per le imprese colpite dal tornado. "Senza un intervento che modifichi la normativa attuale - continua la nota - tutti i costi sostenuti dagli imprenditori sarebbero infatti sottoposti a tassazione. Ciò metterebbe le aziende in ulteriore difficoltà". "È indispensabile che Governo e parlamento, durante la discussione della legge di stabilità, trovino una soluzione concreta a favore dei privati colpiti da calamità naturali - concludono le categorie - Le aziende hanno subito danni pesantissimi ed in questo momento riteniamo sia necessario fare quanto più possibile per tutelare il sistema produttivo della Riviera del Brenta".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sciopero generale, Sgb incrocia le braccia per 24 ore nei trasporti

Attualità

Rischia di saltare la prima della scuola media Calvi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento