Domenica, 17 Ottobre 2021
Cronaca San Donà di Piave

San Donà, attacco durante la videoconferenza con immagini pornografiche e imprecazioni

È successo ieri nel corso di un incontro web rivolto ai cittadini per la presentazione del progetto “Porta Nuova”. Stava partecipando un centinaio di persone, il Comune ha interrotto il collegamento

Un attacco da parte di ignoti ha costretto il Comune di San Donà di Piave a interrompere il video incontro pubblico con cui, ieri sera, l’amministrazione stava presentando ai cittadini il progetto “Porta Nuova” e i relativi cantieri: un tema di un certo interesse per la cittadinanza, visto che circa un centinaio di utenti si era collegato. All'improvviso nel web meeting sono apparse immagini pornografiche, bestemmie e imprecazioni varie, tanto che non è stato possibile proseguire la riunione.

L'amministrazione comunale ha espresso «amarezza e rammarico» per l'episodio, notando che si tratta di un «fenomeno, purtroppo, sempre più diffuso, tanto da essere etichettato dagli addetti ai lavori come “Zoom bombing”, dalla piattaforma di videoconferenze che per prima ha sofferto di questi attacchi». Succede ormai con una certa frequenza: intrusi sconosciuti accedono alla sessione di videoconferenza e diffondono nella live streaming contenuti audio e video incresciosi.

La vicenda è stata segnalata alla piattaforma online e sarà denunciata alla polizia postale. L'appuntamento, invece, è rinviato: la discussione sul progetto urbano, che punta a riqualificare e a innovare una parte strategica per il futuro della città, sarà riproposta nei prossimi giorni con un nuovo incontro.

Il progetto di sviluppo di San Donà

Si tratta di un ampio progetto di rilancio della città, in collaborazione tra l’amministrazione, le associazioni di categoria (tra cui Confapi) e le imprese: la “Porta Nuova” di San Donà prevede la realizzazione di un nuovo polo intermodale con riconversione di proprietà private, come ad esempio gli spazi dell’ex fiera campionaria, e una nuova viabilità. Due gli interventi principali, entrambi legati al settore agroalimentare, denominati rispettivamente “Cantina dei Talenti” e “Piazza della Frutta": la prima, che si sviluppa su 5 mila metri quadri, sarà dedicata alla formazione, alla promozione e all’insediamento di imprese per migliorare la qualità e la sostenibilità dei prodotti alimentari, anche in collaborazione con istituti di formazione e università; l’ex deposito frigorifero della frutta, invece, diverrà un’area coperta di 3 mila metri quadri (estendibile a 7 mila) da destinare a fiere e mostre, centro conferenze ed eventi, coworking. Nel piano di sviluppo sono comprese la nuova stazione ferroviaria e la nuova autostazione.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

San Donà, attacco durante la videoconferenza con immagini pornografiche e imprecazioni

VeneziaToday è in caricamento