Economia Noale / Via Galileo Galilei

Piaggio-Aprilia: ok alla piattaforma per l'integrativo. Chiesti 1.200 euro di premio

Nelle prossime settimane iniziano le assemblee anche a Noale e Scorzé. Organizzazione del lavoro: la richiesta è di rendere le mansioni meno gravose per gli operai ultra cinquantacinquenni e insegnare l'italiano ai lavoratori stranieri

Ok dalle sigle Fim, Fiom e Uilm: la Rsu approva la piattaforma di rinnovo del contratto integrativo di Piaggio-Aprilia; chiesto un aumento del premio di 1.200 euro annui. «Quello raggiunto mercoledì è un buon punto di partenza - commenta il segretario di Fim Cisl Venezia, Matteo Masiero - Ora pianifichiamo le assemblee con i lavoratori e poi si darà inizio alla trattativa con l'azienda. Oltre al premio di risultato che rappresentata l’elemento salariale, riteniamo che sia centrale il rilancio delle commissioni partecipative. Nonostante i due anni di pandemia e l’altalena dei mercati, le quotazioni di Piaggio nel 2022 sono salite e gli stabilimenti veneziani hanno ripreso a produrre nella prima parte dell’anno, con anche qualche nuova assunzione su Scorzé. Il rinnovo dell’integrativo diventa anche un’occasione per riparlare di investimenti, qualità, formazione, organizzazione del lavoro e inquadramento. Sarà una trattativa complicata ma lavoreremo sodo per rinnovare questo integrativo».

Nelle prossime settimane si terranno le assemblee nei siti di Pontedera, Mandello Del Lario, Noale e Scorzé, per poi sottoporre la stessa piattaforma al voto dei lavoratori. Per quanto concerne il premio di risultato annuo i sindacati chiedono di rivedere gli indicatori, di incrementarne la cifra massima di 1.200 euro, di aumentare l’anticipo mensile a 255 euro e di riconoscerne la maturazione anche durante la cassa integrazione. Sul versante economico si punta a evitare gli assorbimenti dei superminimi, mentre sulle relazioni sindacali le sigle parlano di rafforzare le funzioni di commissioni e osservatori di fabbrica. Capitolo ambiente e sicurezza: sindacati e rappresentanze unitarie intendono arrivare ad analizzare gli infortuni e prevedere break formativi, la nomina di un tutor per ciascun lavoratore con disabilità, e migliorare ergonomia e microclima.

Per quanto riguarda l'organizzazione del lavoro la richiesta è quella di rendere le mansioni meno gravose per gli operai ultra cinquantacinquenni, di rafforzare la commissione tempi e metodi, e far ruotare gli addetti alla rilevazione. Sulla formazione professionale le principali richieste sono il rafforzamento della fase di consultazione con le Rsu e l’istituzione di corsi di lingua italiana per i lavoratori immigrati.

«Sull’inquadramento - affermano le sigle Fim, Fiom e Uilm e la Rsu - chiediamo di completare le crescite di livello previste dall’ultimo rinnovo del Ccnl e di istituire una commissione che verifichi la correttezza dell’inquadramento, mentre sull’orario chiediamo di migliorare per i lavoratori indiretti gli istituti dei permessi a recupero mensili e della flessibilità giornaliera, allargare il part time, introdurre i permessi frazionati, istruire la banca ore solidale, disciplinare il caso del mancato recupero delle ore di flessibilità produttiva legata ai picchi stagionali e stabilire con maggiore tempestività del calendario ferie. Sul lavoro agile, abbiamo avanzato la richiesta di favorire il suo utilizzo anche nella fase post emergenziale per le mansioni che si possono svolgere da remoto».

Infine, riguardo al capitolo trasferte e mense, per le prime i lavoratori premono affinché ci siano degli aumenti nei trattamenti, mentre per l'alimentazione la volontà sarebbe quella di ottenere un contributo aziendale più generoso. Dopo le assemblee e la consultazione dei lavoratori, le sigle confederali dei metalmeccanici Fim, Fiom e Uilm presenteranno la piattaforma a Piaggio per la formale apertura delle trattative.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piaggio-Aprilia: ok alla piattaforma per l'integrativo. Chiesti 1.200 euro di premio
VeneziaToday è in caricamento