Economia Marghera / Porto Marghera

Un miliardo per il rilancio dell'economia del porto e del territorio

L'accordo fra banca Intesa e lo scalo marittimo di Venezia e Chioggia

La banca Intesa Sanpaolo ha siglato un accordo con l’Autorità di sistema portuale (AdSP) per lo sviluppo dell’attività portuale e dell’economia collegata con impatti positivi anche per l’entroterra veneziano. Stanziato un plafond di un miliardo di euro di nuovo credito. L’iniziativa rientra nei progetti del nuovo programma di finanziamenti e iniziative per consentire alle piccole e medie imprese sia di superare la fase di difficoltà causata dalla crisi pandemica, sia di rilanciarsi attraverso progetti di sviluppo e crescita, in linea con il Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr). L’accordo ha tra gli obiettivi la spinta alla ripresa degli investimenti 4.0 sostenibili delle piccole e medie imprese e la crescita attraverso il ricorso alla finanza straordinaria e alla digitalizzazione per migliorare la competitività del sistema portuale.

Le attività previste e cifre del porto

Si va dall'accompagnamento delle imprese verso criteri orientati all’Esg (Environment, Social&Governance) e all'economia circolare, alla  realizzazione di iniziative volte allo sviluppo e alla promozione dell’innovazione. Dal sostegno alla nascita di nuove imprese e alla loro crescita, alla promozione di forme di collaborazione in reti di filiera delle piccole e medie imprese, fino alla promozione di nuovi investimenti produttivi anche esteri a seguito di attività di attrazione e di reshoring (delocalizzazione); fino alla formazione manageriale nella gestione innovativa della finanza.

Da quanto emerge da una ricerca curata da SrM (Studi e ricerche per il Mezzogiorno), il settore marittimo nel Veneto ha un’importanza strategica, infatti attiva 3 miliardi di euro di valore aggiunto. Le industrie della regione hanno generato nel 2020 un import-export via mare pari a oltre 22 miliardi di euro: questa cifra rappresenta il 30% del totale interscambio del territorio, e questo indica come il sistema produttivo sia fortemente dipendente dalla logistica marittima e dalla portualità. La regione vanta un numero di imprese che lavorano nel settore della logistica merci pari a circa 10 mila unità che occupano 82.800 mila addetti. L’impatto della pandemia è stato significativo anche nel segmento merci; per quanto riguarda i 3 mesi del 2021 lo scalo ha movimentato 5,5 milioni di tonnellate (flessione del -4,9% sul 2020); buon recupero delle rinfuse solide che si sono attestate sul +10,5% e con i prodotti cerealicoli e siderurgici a segnare rispettivamente un +17,4% e un +31,8%. Importante il traffico container che ha visto nel 2020 totalizzare quasi 530 mila Teus; nei primi tre mesi dell’anno sono stati superati i 123 mila Teus.

La sostenibilità

«Muovendoci nell’ambito degli obiettivi del Pnrr abbiamo sottoscritto questo accordo con AdSP che mira a dare ulteriore nuovo impulso al sistema portuale veneto e all’economia locale che ne deriva - afferma Francesca Nieddu, direttore regionale Veneto Est e Friuli Venezia Giulia Intesa Sanpaolo. – Mettiamo a disposizione nuovo credito per un miliardo e un insieme di supporti operativi, come il programma sviluppo filiere, per accelerare il rilancio con un impegno orientato a un futuro sostenibile».

«L’accordo rappresenta un primo passo nella direzione della creazione di opportunità e strumenti che abilitano lo sviluppo del porto e del suo retroporto, in quanto promuove una collaborazione su tematiche aventi carattere strategico per le Autorità di sistema portuale in generale e per quella di Venezia e Chioggia in particolare – sostiene Fulvio Lino Di Blasio, presidente AdSP - Gli ambiti di collaborazione vanno dalla promozione dell’innovazione (anche digitale), all’attrazione investimenti (penso anche alla Zls), alla finanza agevolata e alla promozione di uno sviluppo sostenibile, temi sui quali questo Ente è sempre più impegnato».


 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un miliardo per il rilancio dell'economia del porto e del territorio

VeneziaToday è in caricamento