Economia

Con il caldo a 35 gradi scatta la cassa integrazione

L'appello degli edili della Filca Cisl Venezia. Grazioso: «Non possiamo permetterci di avere malori e mettere a rischio il lavoro di tante persone»

Il sindacato Filca Cisl Venezia chiede alle imprese di tutelare i lavoratori edili dal grande caldo, contro i malesseri e la perdita di attenzione durante lo svolgimento delle operazioni magari ad alta quota. «Servono maggiori pause e l'Inps garantisce la possibilità di ricorrere alla cassa integrazione guadagni ordinaria quando la temperatura raggiunge i 35 gradi o, se inferiore, ci sia un alto tasso di umidità», afferma il segretario generale della Filca Cisl Venezia, Andrea Grazioso. Già il 2023 è stato un anno record per le colonnine di mercurio.

«Non possiamo permetterci di avere malori e mettere a rischio il lavoro di tante persone - prosegue - Quando all’ombra si superano i 30 gradi e l’umidità è superiore al 70 per cento le giornate di lavoro sono da considerare a rischio calore. Le alte temperature possono causare malesseri di vario genere tra cui la riduzione della capacità di attenzione dei lavoratori, aumentando quindi il rischio infortunio».

I pericoli più frequenti sono i colpi di sole e i crampi da calore. Inoltre non sono da sottovalutare le radiazioni solari. «Senza dimenticare altri fattori cosiddetti “personali” - osserva Grazioso - come la presenza di patologie croniche tipo l’obesità, l’età o l’esigenza di assumere particolari farmaci: sono tutti fattori che, senz’altro, aumentano il rischio per il lavoratore esposto alle alte temperature». Per il sindacalista Cisl è necessario prendere in considerazione alcune buone pratiche.

«D'accordo con le imprese vengano stabiliti orari più flessibili, riducendo le attività nelle ore più calde, riprogrammandole in quelle più fresche e attuando una rotazione dei lavoratori più esposti al sole». Servono, spiega la categoria Cisl degli edili, pause per recuperare le forze fisiche e si deve garantire la necessaria quantità di acqua e sali minerali. Grazioso dà anche alcuni consigli utili, puntando subito sulla formazione dei lavoratori e sulla possibilità di ricorrere agli ammortizzatori sociali. «Serve formarli sui rischi legati al caldo – sottolinea il segretario  – e ricordo che l’Inps garantisce la possibilità di ricorrere alla cassa integrazione guadagni ordinaria quando la temperatura raggiunge i 35 gradi o, se inferiore, ci sia un alto tasso di umidità. Credo che il tema caldo vada affrontato in ogni luogo di lavoro comprese le fabbriche, coinvolgendo i rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Con il caldo a 35 gradi scatta la cassa integrazione
VeneziaToday è in caricamento