Calzaturifici, addio al premio di distretto

Sindacati: «Confindustria e Acrib rifiutano il confronto. Sono 7-800 euro all'anno a lavoratore». Ballin: «Strada della contrattazione valida quando è possibile. Il settore è in difficoltà»

Calzaturifici, archivio

Rischia di saltare quest'anno il premio di distretto nel comparto delle calzature della Riviera del Brenta. Si tratta di 7-800 euro all'anno per ogni lavoratore, che arriva dalla contrattazione fra parti sociali. I sindacati regionali Filctem Cgil, Femca Cisl e Uiltec Uil parlano di «mancata volontà di sedersi al tavolo» di Confindustria Venezia e Acrib (Associazione calzaturifici della Riviera del Brenta). Per le sigle, «i risultati prodotti nel settore in questo territorio negli anni non possono essere cancellati con un’azione unilaterale. Crediamo infatti, per il rispetto reciproco che ci siamo conquistati nel tempo, nell'unico interesse comune di sviluppare e consolidare il distretto, che scegliere di non incontrarci, sia poco coerente con l'alto livello di rapporti che da anni coltiviamo». Le relazioni industriali per le sigle sono un valore aggiunto «per favorire la difesa e la crescita del tessuto economico produttivo e del lavoro».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Costruire il futuro

«Una causa esogena, pur gravissima, non può azzerare le relazioni sindacali - scrivono le sigle -. Avviare una discussione che affronti l’emergenza e ponga le basi contrattuali future, rappresenta la strada intelligente per dotare di anticorpi questo importante tessuto economico», affermano Michele Corso, segretario Filctem Cgil Veneto, Stefano Zanon segretario generale Femca Cisl Veneto e Giampiero Gregnanin segretario generale Uiltec Uil Veneto. «Se Confindustria Venezia e Acrib di non apriranno al dialogo siamo pronti a mettere in campo qualsiasi iniziativa atta a difendere i diritti delle lavoratrici e dei lavoratori calzaturieri della Riviera». Confindustria e Acrib confermano il valore aggiunto delle relazioni industriali per le imprese. «È mia intenzione, ove possibile, mantenere la via della contrattazione - afferma Gilberto Ballin, presidente sezione calzatura Acrib di Confindustria Venezia - L’attuale momento storico, tuttavia, ci impone la necessità di adottare un modello coerente al contesto nel quale stiamo vivendo, in una fase di difficoltà per tutto il settore».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Zaia: «Vicenda di Jesolo inconcepibile, certe aggregazioni sono un danno sanitario»

  • Polemiche su tre consiglieri leghisti per la richiesta del bonus Inps da 600 euro

  • Chiusura del raccordo da Venezia verso la tangenziale di Mestre

  • Noale in lutto, è morto a 29 anni il consigliere comunale Damiano Caravello

  • Noto albergatore di Jesolo muore in un incidente stradale

  • Rapina una 15enne, la minaccia con delle forbici e la molesta sessualmente: denunciato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento