Cciaa e commercialisti: pagate i fornitori, le banche sono liquide e possono finanziarvi

Camera di Commercio e Commercialisti segnalano il rischio liquidity crunch

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di VeneziaToday

Nelle prossime settimane, tutte le aziende, in maniera diversa a seconda dei settori, si troveranno di fronte ad un crollo del fatturato, e degli incassi. La prima conseguenza è che le imprese, che già non lo sono, si troveranno in una crisi di liquidità e saranno portate a ritardare o congelare i pagamenti ai fornitori, e persino ai dipendenti, generando un effetto a cascata di contrazione della liquidità di tutto il sistema economico. A causa di questo “liquidity crunch” molte aziende potrebbe cessare l’attività o fallire, generando un livello di disoccupazione incontrollabile, mai sperimentato prima.

“Le imprese in questo momento hanno bisogno di una forte liquidità, per riuscire a resistere e andare avanti, per questo ci uniamo all’appello dell’Ordine dei Commercialisti al fine di invitare tutti gli attori del sistema economico a un’azione di responsabilità nei confronti degli imprenditori che avranno difficoltà a pagare fornitori e dipendenti – dichiara Giuseppe Fedalto, presidente Camera di Commercio di Venezia Rovigo - Dobbiamo tutti uniti evitare che si arrivi a una crisi senza precedenti del sistema imprese e finanziario. Come Camera di Commercio noi siamo e continueremo oggi più che mai a essere al fianco delle imprese nella definizione di un corretto business plan in modo da prevenire e verificare sin da subito la sostenibilità finanziaria della propria attività per i prossimi mesi e presentarsi agli istituti di credito con idee e obiettivi chiari.”

“In questo momento è importante utilizzare la liquidità esistente e disponibile - dichiara Massimo Da Re presidente dell’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Venezia - per evitare che il sistema finanziario arrivi al collasso. Gli istituti di credito sono pronti e possono già concedere alle imprese che ne fanno richiesta delle nuove linee di credito o delle moratorie rispetto ai finanziamenti/leasing attivi. L’iter autorizzativo è rapido, anche perché le nuove linee di credito sono garantite da un’apposita sezione speciale del Fondo di garanzia per le PMI e senza valutazione. ”

Gli imprenditori, prima di decidere di non effettuare un pagamento ad un fornitore (o ai propri dipendenti o collaboratori ), dovrebbero valutare se con le attuali disponibilità finanziarie sono in grado di far fronte ai presunti impegni a breve – medio periodo. Nel caso di evidenti difficoltà nel fare fronte ai pagamenti, valutare subito con i propri istituti di credito i finanziamenti migliori per il caso specifico. “Per scongiurare il rischio di liquidità le imprese devono impostare subito business plan economico - finanziario, con delle simulazioni realistiche per i prossimi mesi - conclude Da Re - per testare la sostenibilità finanziaria e in caso di difficoltà accedere subito alle varie forme di finanziamento messe a disposizione delle banche. I commercialisti, soprattutto per le imprese medio-piccole che non sono preparate ad effettuare tali valutazioni, sono pronti a dare le indicazioni su come contrastare la carenza di liquidità per ridurre il più possibile la tensione finanziaria, e ragionare con gli imprenditori sulle strategie da attuare per una rapida ripartenza dell’azienda, non appena terminata l’emergenza.”

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento