rotate-mobile
Economia Santa Maria di Sala / Via Caltana, 169

Il centro Tom svende tutto per lasciare spazio a Nico

Il 10 novembre scorso il gruppo vicentino di abbigliamento e calzature si è aggiudicato l'asta: il 7 gennaio termina l'affitto e Igor Clementi di Hello Sport restituisce i locali, per questo sta svuotando con le offerte attive fino all'Epifania

Il 10 novembre scorso Nico Abbigliamento e Calzature si è aggiudicato l'asta del centro Tom di Santa Maria di Sala ponendo fine ad anni di incertezza gestionale ed economica che stavano portando lo store, uno dei più belli negli anni 2000 tra Venezia, Padova e Treviso, al tracollo totale. Con il fallimento del Tom Village a febbraio 2021, in attesa della gara per la vendita, il curatore degli immobili ha affidato la gestione a Igor Clementi che ha aperto Hello Sport in 3 mila dei 10 mila metri quadri di superficie dell'immobile al piano terra e ha rimesso in moto il centro acquisti. 

L'affitto sta per terminare, il 7 gennaio, per questo Clementi sta provvedendo a svuotare i locali che dovrà restituire al nuovo proprietario Nico. «Devo liberare tutto - commenta Clementi - già da oltre una settimana l'abbigliamento è sotto costo e devo dire che durante lo scorso weekend in 3 giorni abbiamo avuto al Tom più di 3 mila passaggi, 2 mila solo il sabato. Un movimento che qui non si vedeva da tempo. Sono sicuro che investendo oculatamente questo complesso commerciale potrà tornare a dare buoni risultati, e per quanto mi riguarda sono soddisfatto della permanenza a Santa Maria di Sala, da fine 2020». Per questo, spiega Clementi, «l'intenzione, se ce ne fosse la possibilità, magari attraverso un accordo con la nuova proprietà, sarebbe quella di rimanere oltre il 7 di gennaio».

Intanto sulla carta la data di cessazione dell'affitto è quella stabilita. Nico ha già iniziato i colloqui con i commessi del centro Tom che erano rimasti in cassa integrazione, poco più di un centinaio, visto che nel contratto di acquisto dello store era previsto l'impegno ad assumere almeno 50 di quei lavoratori, probabilmente quelli disponibili a un inserimento full time. La proprietà in settimana stava incontrando tutti per capire le intenzioni. Poi dovrebbero iniziare i lavori di ristrutturazione dello stabile, che dureranno alcuni mesi, per arrivare all'inaugurazione con la nuova insegna. Le tempistiche di riapertura non sono ancora note, ma potrebbe dover passare l'inverno, e forse anche la primavera del 2022 per veder ripartire il Tom.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il centro Tom svende tutto per lasciare spazio a Nico

VeneziaToday è in caricamento