rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Economia

CentroMarca Banca rafforza gli aiuti e gli indici patrimoniali con il bilancio 2020

Sostegno al territorio con 1 milione di euro alle attività sociali e supporto alle famiglie e alle imprese con finanziamenti e sospensioni dei mutui

Approvazione del bilancio “a distanza” per CentroMarca Banca. È stata convocata venerdì 30 aprile l’assemblea ordinaria dell’Istituto che, in tempi di emergenza sanitaria, si svolge per il secondo anno consecutivo con la formula del “rappresentante designato”. I quasi 9.000 soci della Bcc hanno la possibilità di esprimere le loro indicazioni di voto affidando la delega al notaio Antonio D’Urso, a cui il Consiglio di amministrazione ha conferito l’incarico di rappresentante designato.

Ne hanno parlato durante la conferenza stampa, presentando i dati dell'ultimo esercizio, il presidente e il direttore generale dell'Istituto, Tiziano Cenedese e Claudio Alessandrini. «Ci ritroviamo a dover rinunciare, per il secondo anno, all’importante appuntamento con i nostri soci organizzando, nel rispetto delle norme, un’assemblea con una modalità lontana dal nostro operare - ha spiegato Cenedese - Il 2020 è stato un anno dedicato al sostegno, abbiamo avvalorato la nostra mission di Banca cooperativa che pone al centro del suo agire la solidarietà e il mutuo soccorso. Abbiamo aumentato il nostro impegno sul fronte sociale, venendo incontro alle esigenze della comunità e appoggiando le attività di molte associazioni di volontariato, su quello sanitario, con il supporto agli ospedali, e su quello economico, incrementando credito e liquidità alle nostre imprese e alle nostre famiglie e aiutandole a cogliere le opportunità di ripresa».

Un milione di euro è stato il sostegno dedicato nel 2020 da CentroMarca Banca al Terzo Settore, con un considerevole aumento complessivo rispetto all’anno precedente. Più di 660 mila euro, invece, ad iniziative legate al mondo della cultura, della solidarietà, della sanità, della ricerca, dell’istruzione, dello sport e dell’ambiente. Di particolare rilievo l’accordo sottoscritto con l’università di Ca’ Foscari di Venezia per la Formazione e Ricerca nell'ambito “green” e della sostenibilità, indirizzato a favorire sempre nuove connessioni tra l’università e il territorio.

Altri 340 mila euro sono stati raccolti tramite CMB4PEOPLE, la piattaforma di Crowdfunding di CentroMarca Banca, che ha coinvolto migliaia di persone e ha consentito, ad esempio, di sostenere i progetti di Fondazione CMB volti ad aiutare gli ospedali di Treviso e Venezia, in merito all’acquisto di ventilatori polmonari, e a favorire le attività sociali promosse dalle Caritas di Treviso e di Venezia.

«Il 2020 è stato l’anno della cooperazione che si è tradotto - commenta il direttore Alessandrini - in molteplici attività come le moratorie a sostegno di oltre 3000 clienti, tra famiglie e imprese, per una cifra complessiva superiore ai 300 milioni di euro; gli aiuti si sono altresì concretizzati nell’erogazione di nuovi 238 milioni di euro in merito a mutui e finanziamenti, con una crescita di oltre 51 milioni rispetto all’anno precedente. La significativa risposta in termini di crescita dei depositi è infine indice di una collaborazione reciproca tra Banca e territorio, un legame capace di fare la differenza per ripartire insieme».

Il bilancio del 2020 si è chiuso con un utile di 6,663 milioni di euro e con un indice patrimoniale Total Capital Ratio a 18,17%, perciò irrobustito rispetto al 15,43% del 2019. La raccolta totale di CMB ha sfiorato i 2,4 miliardi di euro (1,6 miliardi la componente diretta, 791 milioni la indiretta) con un aumento di 212 milioni sull’anno precedente. L’esercizio è stato caratterizzato da un significativo aumento di depositi a vista, cresciuti di 250 milioni di euro rispetto al 2019, a testimonianza di una rilevante incertezza da parte di famiglie e imprese.

Per far fronte alle necessità economiche delle imprese e per offrire loro immediata liquidità, CMB ha operato sinergicamente attivando accordi con le amministrazioni locali, con le associazioni di categoria e con i consorzi di garanzia fidi. Fra questi vanno citati “Treviso Fund”, di cui CMB è stata Banca capofila, “4 Comuni garanzia impresa”, “7 Comuni dell'Opitergino-Mottense”, “7 Comuni del Montebellunese” ed altri protocolli con singole amministrazioni municipali del Trevigiano e del Veneziano, per arrivare oggi ad oltre 50 convenzioni; altri accordi importanti hanno riguardato dei plafond attivati con Assindustria Venetocentro, Confartigianato di Treviso e Fidi Impresa.

«Fondamentale è continuare ad alimentare una strategia che riesca a valorizzare le potenzialità di tutti gli stakeholders affinché possano contribuire ad un’innovazione partecipata – fa sapere Alessandrini - La grande sfida, che stiamo affrontando insieme, è sviluppare la cultura della solidarietà che si esprime con il sostegno reciproco, grazie al localismo, che sottolinea la vicinanza alla comunità e con la cooperazione, risorsa indispensabile per valorizzare e conservare il territorio».

In questo contesto CMB si è attivata a cogliere le opportunità previste dal progetto Superbonus 110 %, con formule che consentono la cessione del credito e la rapida erogazione delle risorse necessarie, il tutto attraverso una consulenza a 360 gradi. Ad oggi CentroMarca Banca gestisce pratiche per un importo complessivo di circa 30 milioni di euro e, fa sapere il Direttore Generale Claudio Alessandrini, sono già arrivati, nei conti dei Clienti che ne hanno fatto richiesta, le detrazioni cedute all’Istituto per i lavori realizzati nel 2020.

CentroMarca Banca oggi opera attraverso 326 collaboratori in 34 Filiali con competenza su 66 comuni delle province di Treviso, Venezia e Padova. I Soci sono 8.900 ed i Clienti quasi 65 mila. Le masse gestite totali sono pari a 3,6 miliardi di euro. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

CentroMarca Banca rafforza gli aiuti e gli indici patrimoniali con il bilancio 2020

VeneziaToday è in caricamento