rotate-mobile
Martedì, 25 Gennaio 2022
Economia San Marco / Calle Vallaresso, 1323

Sciopero all'Harry's Bar, Arrigo Cipriani si improvvisa cameriere

Il personale, una settantina di persone, del celebre locale ha incrociato le braccia in virtù della trattativa per il rinnovo del contratto integrativo. Al patron era già accaduto nel 2009

Sciopero all'Harry's bar per una vertenza sindacale e il patron Arrigo Cipriani, con alcuni "fedelissimi", per far fronte alla situazione giovedì sera si è improvvisato cameriere e ha servito ai tavoli gli affezionati clienti. Oggetto del contendere l'annosa trattativa sul rinnovo del contratto integrativo che ha portato al decurtamento degli stipendi al solo fisso facendo venir meno la percentuale sugli incassi. Millecento euro netti, a fronte dei circa duemila dei "tempi d'oro".

Un'astensione del personale non nuova, quella scattata al momento di servire ai tavoli, perché già messa in atto, all'Harry's bar, nel 2009 al momento del rinnovo del precedente contratti integrativo.

"Non è la prima volta che mi capita di servire ai tavoli - dice Arrigo Cipriani - e non sarà neanche l'ultima. Il contratto integrativo precedente è scaduto e c'é qualche problema, ma sono certo che lo risolveremo, e in ogni caso la situazione non pregiudicherà il normale funzionamento dell'Harry's bar". Una settantina i camerieri che hanno incrociato le braccia, al loro posto invece cuochi, barman e cassiera. E la protesta sembre destinata a continuare. (ANSA)

Cipriani cameriere all'Harry's Bar © TM News Infophoto

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sciopero all'Harry's Bar, Arrigo Cipriani si improvvisa cameriere

VeneziaToday è in caricamento