rotate-mobile
Crisi Economica Santa Croce / Piazzale Roma

Crisi e tasse "chiudono" l'ultimo distributore di piazzale Roma

Anche il gestore della stazione Eni vicino al terminal automobilistico se ne va. Era l'ultimo servizio del genere per i residenti del centro storico

Niente più rifornimento di carburante tra piazzale Roma e il Tronchetto. Anche l'ultimo "baluardo", costituito dal benzinaio Eni sulla rampa che porta al terminal automobilistico lagunare, chiuderà i battenti. Colpa della crisi e delle tasse. Come riporta La Nuova Venezia, infatti, il gestore si è fatto due conti in tasca e ha deciso che il gioco non vale la candela. Di fronte all'affitto dell'area da 4mila euro al mese i ricavi non supererebbero i 200 euro al giorno.

"Quando apro i battenti sono già in perdita", ha dichiarato al quotidiano. Resta il fatto però che tra poco per le migliaia di auto dei residenti in centro storico forse non ci saranno più servizi di officina e di manutenzione prima del ponte della Libertà. Sempre che Eni non decida di mantenere le pompe adibendole solo a self service.

Nemmeno i rincari del carburante hanno aiutato il gestore del distributore: i soldi in più pagati dagli automobilisti, infatti, se ne sarebbero quasi tutti andati in tasse. Unica possibile salvezza un distributore di gpl, ma l'autorizzazione è stata negata in quanto sarebbe stata posizionata troppo vicino alla strada statale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crisi e tasse "chiudono" l'ultimo distributore di piazzale Roma

VeneziaToday è in caricamento