rotate-mobile
Mercoledì, 17 Agosto 2022
Crisi Economica

Crisi Colgar, in 24 rischiano il posto: "Le vertenze? In aumento nel 2013"

A parlare è l'assessore provinciale al Lavoro Paolino D'Anna: "Sono già trenta in più rispetto al 2012". Per i lavoratori di Quarto d'Altino oggi inizia la cassa integrazione straordinaria

Rischiano di perdere il proprio posto di lavoro in 24. La Colgar di Quarto d'Altino (Comune che vede anche altri operai in ansia per la possibile delocalizzazione della Ditec), sta chiudendo. Una delegazione dei dipendenti dello stbilimento stamattina si è presentata a Ca' Corner durante i lavori della sesta commissione (lavoro). L'occasione per ribadire di nuovo la situazione di difficoltà che stanno loro malgrado vivendo. Presenti anche l’assessore provinciale al Lavoro Paolino D’Anna e il presidente della commissione Lavoro, il consigliere Roberto Dal Cin.

Da oggi i lavoratori della Colgar beneficeranno della cassa integrazione straordinaria. I dipendenti hanno organizzato un gazebo all’esterno dell’azienda metalmeccanica e dal 1977 realizza macchine per la lavorazione di lamiere. I dipendenti protestano contro la decisione dei vertici aziendali di chiudere la filiale ancora operativa di Quarto d’Altino, lasciando a casa 24 persone, e salvare la sede di Milano. Attualmente avanzano dalla proprietà il pagamento di un mese di stipendio, oltre alla tredicesima mensilità e ai premi di produzione.

“Purtroppo dall’inizio di quest’anno abbiamo già seguito 98 vertenze, ben 30 in più rispetto al 2012 - commenta l'assessore D'Anna - Conosco bene la situazione della Colgar, e mi sono già attivato per la convocazione di un Tavolo a breve, alla presenza delle organizzazioni sindacali e della proprietà. In merito ho già informato la Prefettura. E’ l’ennesimo dramma che si consuma sul nostro territorio".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crisi Colgar, in 24 rischiano il posto: "Le vertenze? In aumento nel 2013"

VeneziaToday è in caricamento