Neanche il sindaco gli trova casa, in tre costretti a dormire in auto

Una famiglia di Chioggia ridotta al limite, neppure il primo cittadino Giuseppe Casson è riuscito a trovare un alloggio per loro

Quest'estate hanno dormito tra le dune della spiaggia, ma da quando il freddo ha fatto capolino tra la sabbia hanno dovuto ripiegare all'interno dell'auto di famiglia, unico avere rimasto ad una 43enne di Chioggia, al suo compagno e al figlio di sedici anni. E ora, con il morso del gelo che si fa più insistente, i tre rinnovano il loro appello dalle pagine del Gazzettino, dove chiedono un tetto, sia anche un “tugurio” per ritrovare la serenità e la dignità perduta.

DENTRO L'AUTO – L'auto, un'utilitaria Kia, era stata acquistata prima del tracollo, quando ancora la famiglia poteva contare sul reddito dell'uomo che lavorava come guardia giurata. Da quando ha perso il lavoro, però, tutto è cambiato e anche cercare un nuovo impiego pare difficile, con la crisi imperante le aziende rispondono sempre alla stessa maniera: non ci sono soldi, nemmeno per la sicurezza. Il ragazzo 16enne, intanto, per vergogna ha lasciato la scuola e la madre, che soffre di asma, invece di distendersi in un letto come prescritto dai medici è costretta a rannicchiarsi tra i sedili della Kia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

SENZA SOLUZIONI - Ogni sera la famiglia cambia parcheggio, per non incorrere in problemi, ma la situazione è chiaramente insostenibile. I tre vengono assistiti dalla Caritas locale, che garantisce loro un pasto e l’assistenza minima, ma non è sufficiente: i tre sono costretti ad utilizzare i bagni del pronto soccorso per lavarsi. Il Comune di Chioggia, invece, versa alla famiglia 388,31 euro mensili, troppo pochi per mantenere tre persone. Anche il sindaco Giuseppe Casson si è interessato alla vicenda, andando in prima linea a cercare un alloggio per loro, ma da quanto è stato riferito alla famiglia persino il primo cittadino ha sbattuto contro un muro: niente case disponibili; e pensare che, per migliorare la condizione dei tre, basterebbe un riparo che non sia su ruote.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Zaia: «Vicenda di Jesolo inconcepibile, certe aggregazioni sono un danno sanitario»

  • Polemiche su tre consiglieri leghisti per la richiesta del bonus Inps da 600 euro

  • Chiusura del raccordo da Venezia verso la tangenziale di Mestre

  • Noale in lutto, è morto a 29 anni il consigliere comunale Damiano Caravello

  • Noto albergatore di Jesolo muore in un incidente stradale

  • Malore dopo un festino a base di alcol ed eroina: abbandonato in auto dagli amici

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento