Crisi Economica

Sempre più in basso: imprenditori giovani in calo del 23% nel Nordest

La ricerca pubblicata dall'università Ca' Foscari: gli under 35 che mettono su aziende e società soffrono più in Veneto che altrove. Verona ha il maggior numero di imprese giovani: 22%

Le imprese condotte dai giovani sono in calo in Italia. Lo afferma una ricerca dell'Università Cà Foscari di Venezia, secondo la quale in cinque anni, dal 2006 al 2011, la diminuzione degli imprenditori under 35 è stata del 16% (- 64mila in termini assoluti). L'area più in difficoltà sembrerebbe essere il Nordest, che in questo quinquennio ha conosciuto la riduzione più forte, -23%. Agricoltura, manifattura e costruzioni, stando alla ricerca di Cà Foscari, promossa dalla Regione e dal Centro Produttività Veneto, e sono i settori maggiormente colpiti dalla crisi imprenditoriale giovanile. A livello nazionale l'imprenditoria giovanile (under 30) pesa in misura sensibile nelle regioni del Sud Italia (6,7% sul totale) con Calabria (8% sul totale), Sicilia (6,7%), Puglia (6,3%) e Campania (7,6%) ben al di sopra della media nazionale (5,3% sulle imprese totali). Veneto, Trentino Alto Adige ed Emilia Romagna, al contrario, si segnalano per i valori più bassi in termini di incidenza della imprese under 30 rispetto al totale (rispettivamente 4,2%, 4,1% e 4,3%).

Secondo i dati dello studio, condotto dal dipartimento di Management dell'Università Cà Foscari, il Veneto ospita oltre 47 mila imprese giovani, su un totale di 700 mila in Italia: si tratta prevalentemente di imprese artigiane (il 39% contro il 30% nazionale), con una significativa presenza di imprese al femminile (24,9% contro il 17% nazionale). Verona è la provincia con il maggior numero di imprese giovani (22%), seguita da Padova (19,8%), Treviso e Vicenza (16,7%), Venezia (15%), Rovigo (6,6%) e Belluno (3,3%).

(Ansa)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sempre più in basso: imprenditori giovani in calo del 23% nel Nordest

VeneziaToday è in caricamento