Bar e ristoranti faticano, ma un po' alla volta si riprendono: i dati di Confcommercio Venezia

Per ora il calo di fatturato è stimato sul -40%, ma potrebbe essere del -26% a fine anno. Zanon (Fipe Venezia): «La resilienza è iniziata, anche con l'innovazione del business, ma servono sburocratizzazione e sostegni pubblici»

In Veneto ci sono poco meno di 26mila pubblici esercizi, che attivano 84.231 dipendenti: di questi, 5.573 tra bar, ristoranti e locali vari si trovano nell'area della città metropolitana di Venezia, dove si concentra perciò il 21,56% delle imprese venete del settore, che danno lavoro a 20.883 dipendenti. Sono i dati contenuti nel report 2019 di Fipe Confcommercio e che saranno il riferimento per il confronto con la situazione anomala del 2020, generata dall'epidemia di Covid-19.

Perdite

Lo scenario 2020 è ancora a tinte fosche e, per ora, è possibile solo tracciare un quadro di massima: a due mesi dalla riapertura dopo il lockdown la perdita di fatturato è stimata mediamente in un -40%, ma Confcommercio punta, «se non vi saranno colpi di coda della pandemia, di comprimerla a fine anno almeno al -26%, per risalire davvero la china con il nuovo anno».

Opportunità

Massimo Zanon, presidente di Fipe e di Confcommercio metropolitana Venezia, spiega: «Le misure attivate dal governo stanno dando ora un primo beneficio e anche la Regione ha risposto tempestivamente alle nostre richieste. Ma il settore necessita di misure strutturali e aiuti per adattarsi ai nuovi stili di vita e rinnovare il business». Come quello delle consegne a domicilio, che è stato fondamentale per attutire il colpo. Per Confcommercio, lo scenario peggiore si può evitare tramite «un mix di aiuti pubblici semplici, sburocratizzazione e strumenti innovativi».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Consumi

Secondo l'associazione di categoria, il settore rappresenta un sensore particolare per gli stili di vita e di consumo degli italiani e dei turisti: basti pensare che i consumi delle famiglie, lo scorso anno, sono stati stimati in 1,774 miliardi di euro nella città metropolitana di Venezia, pari al 21,46% del fatturato dei pubblici esercizi di tutto il Veneto. Venezia è seguita al secondo posto da Verona (1,62 miliardi) e al terzo da Padova (1,379).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cosa succede al corpo se si eliminano i carboidrati?

  • Elezioni comunali Venezia 2020: liste, simboli e candidati

  • Vittoria di Brugnaro, sarà sindaco di Venezia per altri cinque anni

  • Elezioni 2020: Zaia storico sfiora il 77%, la sua civica al 44,63%

  • Sei comuni rinnovano il sindaco e il Consiglio: i risultati

  • Elezioni 2020, a Portogruaro sarà ballottaggio tra Santandrea e Favero

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento