menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Via i dubbi, il turismo veneziano tiene: "Ma ci servono le banche"

La spiaggia di Jesolo terza più cliccata nel web. Gli imprenditori hanno reagito alla crisi, ma l'accesso al credito per loro è necessario

Un settore alberghiero che ha la sua forza nella dinamicità della classe imprenditoriale. Se la stagione estiva 2013 si avvia verso una chiusura non disastrosa, ma accompagnata da un cauto ottimismo, a Jesolo come nel resto della costa veneziana, lo si deve anche ai grandi sforzi compiuti dagli operatori, che hanno saputo reagire con rapidità ed efficacia alle difficoltà dovute alla situazione economica nazionale.

Ma, per ripetere questi risultati, in futuro rimarrà fondamentale poter riqualificare le strutture alberghiere e avere sempre maggiore forza nel rapporto con il settore bancario, per ottenere il credito necessario a investire. E’ questo il messaggio che hanno deciso di lanciare, insieme, Fiditurismo e Associazione Jesolana Albergatori (Aja). Per avere i numeri definitivi della stagione estiva 2013 bisognerà attendere ancora un po’, considerate le buone prospettive che sta riservando settembre. Ma per gli albergatori è già tempo di guardare al futuro.

“La stagione 2013 ha dimostrato che i nostri albergatori sono sul pezzo. Le nostre località possono contare su una classe imprenditoriale decisamente dinamica, che ha saputo capire che cosa stava accadendo sul mercato - commenta il presidente dell’Aja, Massimiliano Schiavon - se penso alla mia realtà, a inizio stagione avevamo segnali di sofferenza dal mercato interno, mentre oggi, tre mesi dopo, Jesolo risulta tra le mete più gettonate ed è diventata la terza spiaggia più cliccata sul web. Vuol dire che gli operatori hanno saputo reagire. Per continuare così dobbiamo però avere la possibilità di accedere al credito".

In quest’ottica Fiditurismo, la società cooperativa per azioni di garanzia collettiva fidi tra medie e piccole aziende del settore turistico, intende muoversi per rafforzare il potere contrattuale del comparto sul mercato del credito. “In questo contesto - spiega il presidente Alessandro Rizzante - emerge con forza la necessità per Fiditurismo di stringere alleanze per rafforzare il sistema di garanzia con l’obiettivo di facilitare in forma competitiva l’accesso al credito per i suoi soci. Da due anni Fiditurismo sta inoltre lavorando per definire con il mondo bancario un rating che riconosca e tenga conto delle specificità del settore turistico".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lo show "4 Hotel" dello chef Bruno Barbieri parte da Venezia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento