menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Patto per lo sviluppo "azzoppato" dalle assenze, Zaia: "Si va avanti lo stesso"

Alla firma del 2 maggio a Palazzo Balbi del documento sul rilancio della regione mancheranno Cigl e Uil, critiche con l'impianto del testo. Il governatore: "Non capisco le ragioni del dissenso"

Il 2 maggio firma cruciale per il futuro della regione a Palazzo Balbi a Venezia. Verrà sottoscritto il "Patto per lo Sviluppo", frutto del lavoro di un anno e mezzo tra i maggiori esponenti delle categorie produttive, economiche e politiche venete. La forza del documento, però, rischia di rimanere azzoppata dalla contemporanea assenza di Cgil e Uil, che non condividono sia il metodo seguito per redigerlo, sia i contenuti che lo caratterizzano.

"Non capisco le ragioni del loro dissenso - afferma il presidente della Regione Luca Zaia - vorrei dire che, in ogni caso, sarebbe una bella cosa festeggiare il primo maggio con la sottoscrizione di questo patto, per dare reali prospettive di rilancio al nostro sistema produttivo e creare nuove opportunità occupazionali".

Le perplessità della Uil, però, coinvolgono l'intero impianto del documento. "Il nostro - spiega in una nota il segretario generale Gerardo Colamarco - è un doppio no. Innanzitutto, sul metodo. Nonostante, a parole, la Regione avesse annunciato che avrebbe coinvolto le parti sociali nella gestione della crisi, siamo stati convocati due volte in un anno e mezzo".


Il metodo, appunto. Ma anche i contenuti: "Il patto per lo sviluppo è insufficiente sotto troppi punti di vista - continua il segretario generale - Innanzitutto non c'è nessun cenno alla questione, che ha carattere nazionale, di Porto Marghera, poi non si fa abbastanza attenzione ai giovani e a chi è in difficoltà lavorativa. Sul turismo e sulle infrastrutture non è con la promozione nelle fiere che si affronta la questione, bensì mettendo in rete lo sviluppo dell'aeroporto Marco Polo (terzo d'Italia) e del Porto di Venezia. Nel patto per lo sviluppo - conclude Colamarco - non c'è una parola sull'edilizia (a patto un generico cenno al piano casa)".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lo show "4 Hotel" dello chef Bruno Barbieri parte da Venezia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento