Le gioiellerie nel periodo post-lockdown: male in centro storico, in ripresa nei quartieri

Il presidente di Federpreziosi provinciale Ravagnan: «Venezia paga l'assenza del turismo, in particolare di lusso»

I dati di Federpreziosi sui volumi d'affari delle gioiellerie in provincia di Venezia mostrano situazioni diversificate in base alle zone: sono in grave crisi quelle del centro storico, che operavano prevalentemente con il turismo, mentre resistono (con casi addirittura di risultati superiori al 2019) i negozi di quartiere. «Le gioiellerie di Venezia – spiega il presidente provinciale di Federpreziosi, Alberto Ravagnan – sono state fortemente penalizzate dalla crisi del turismo e in particolare del turismo di lusso, anche perché pagano affitti importanti. Sono numerose le attività in crisi o in procinto di chiudere».

La situazione nel resto del territorio è diversa e per certi versi incoraggiante: «Abbiamo vissuto un’estate con una crescita di lavoro, certamente influenzato dalla somma delle riapertura e degli eventi che erano stati bloccati durante il lockdown. Battesimi, cresime e comunioni, ad esempio, influiscono per circa il 25% del nostro mercato e abbiamo notato in alcuni casi un incremento di clientela che si rivolge ai negozi di gioielleria tradizionali, complice forse una reazione emotiva all’emergenza sanitaria, che porta le persone a investire in questo settore piuttosto che altrove».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ravagnan esprime «preoccupazione anche per i negozi situati nei centri commerciali che hanno registrato in generale una riduzione della clientela e che, rispetto ai negozi di quartiere, hanno però costi molto più alti». Ad aprire nuove prospettive potrebbe essere la tecnologia digitale: «Non si tratta di vendere a clientela nuova situata altrove nel mondo – chiarisce Ravagnan – ma piuttosto di un nuovo modo di vendere alla stessa clientela. Ci sono persone ancora intimorite dall’ingresso nei negozi e poter visionare la merce online è un modo per ridurre il tempo di esposizione e acquistare in maggiore sicurezza. Ora, oltre all’adesione al progetto “Vetrine on line” di Confcommercio, stiamo valutando un progetto specifico che metta in rete fornitori, fornitori di servizi e negozi in questa direzione».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuove restrizioni “leggere” in Veneto: ordinanza all’orizzonte

  • Coronavirus, bollettino di oggi: i numeri di Veneto e provincia di Venezia

  • Carri armati e scenari di guerra: l'esercito si addestra tra Jesolo e Venezia

  • Coronavirus, bollettino di oggi: numeri di Veneto e provincia di Venezia

  • Coronavirus, il bollettino di stasera per Veneto e provincia di Venezia

  • Schianto sulla strada: morto un ragazzo a Veternigo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento