rotate-mobile
Economia

Il Porto va in missione in Cina cercando di allargarsi a Oriente

Nel corso della visita nel paese asiatico l'Autorità portuale ha rafforzato la partnership con le due società del Gruppo Cosco, colosso mondiale

Il Porto di Venezia ha appena concluso una missione in Cina con l'obiettivo di consolidare i rapporti con il mercato del grande Paese asiatico. Nel corso della missione, l'Autorità portuale ha rafforzato la partnership con le due società del Gruppo 'Cosco' che si occupano di movimentazione container (Coscon) e di general cargo (Coscol Shipping Company Ltd).

A Ghuangzou, il presidente Paolo Costa e il segretario generale Claudia Marcolin, accompagnati dal general manager della Coscon Italia Marco Donati, hanno incontrato il ceo di Coscol, Han Guo Min, e il vicepresidente, Du Jun Ming, per definire i dettagli dell'avvio di un nuovo servizio di linea di general cargo entro il 2013 che sfrutterà le banchine di porto Marghera. A Shanghai, la delegazione ha invece incontrato la vicepresidente della Coscon, Chen Xiang, con l'obiettivo di rinforzare il servizio di feeder già esistente a Venezia.

L'incontro è servito al Porto di Venezia per informare le compagnie armatoriali cinesi dei risultati recentemente raggiunti a Venezia in tema di accessibilità nautica e ferroviaria, di riattivazione del punto franco doganale, sul preclearing, e sulle azioni che il porto di Venezia sta conducendo per contenere i costi che incidono sulle compagnie armatoriali. La Coscon ha manifestato un interesse specifico per il bacino di utenza dello scalo da estendere con nuovi collegamenti via treno e navigazione interna verso la Baviera, l'Austria e la Lombardia. (Ansa)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Porto va in missione in Cina cercando di allargarsi a Oriente

VeneziaToday è in caricamento