menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Lavoratori dello spettacolo, archivio

Lavoratori dello spettacolo, archivio

Donazzan annuncia un'indennità integrativa per i lavoratori dello spettacolo

Con l'accordo tra la Regione del Veneto e l’Istituto nazionale previdenza sociale (Inps) anche i lavoratori di questo settore con contratti intermittenti potranno accedere ai mille euro

Risorse a sostegno dei lavoratori dello spettacolo, quella boccata d'ossigeno più volte invocata dagli addetti del settore, tra i più colpiti dal virus che ha preso di mira la vicinanza e la socialità. La giunta regionale, su proposta dell’assessore al Lavoro Elena Donazzan, ha deliberato l’approvazione dell’accordo tra la Regione del Veneto e l’Istituto nazionale previdenza sociale (Inps), legato al decreto Rilancio dello scorso luglio, per l’ulteriore erogazione della misura di sostegno regionale integrativa dell’indennità prevista per i lavoratori dello spettacolo.

Contratti intermittenti

«Con l'accordo l'Inps ha potuto erogare un’indennità integrativa a quasi 2.700 lavoratori veneti dello spettacolo - spiega Donazzan. – Ora, grazie a questo addendum permetteremo anche ai lavoratori di questo settore che hanno contratti intermittenti di poter accedere a tale indennità integrativa da mille euro. Con questo – conclude – cerchiamo di sostenere un settore importante del mondo dell’intrattenimento, che vive da inizio pandemia una crisi che ha quasi azzerato le attività professionali». L'assessore si augura di arrivere a breve alla sottoscrizione dell'accordo.

Con deliberazione 932 del 9 luglio 2020 la Regione ha offerto sostegno ai lavoratori iscritti al Fondo dello spettacolo prevedendo un contributo integrativo delle indennità Inps, a valere sulle risorse del programma operativo regionale (Por) 2014-2020, fondo sociale europeo (Fse) per un importo di 3.000.000 di euro. L’accordo è stato sottoscritto il 6 agosto 2020 e ha consentito l’erogazione nel mese di settembre di un’indennità integrativa di 1.000 euro a 2.696 lavoratori. Con successiva deliberazione (1258 dell'1 settembre), la Regione ha provveduto ad aumentare lo stanziamento per un importo di 1.500.000 euro, prevedendo di estendere il contributo anche ai lavoratori attualmente esclusi, perché con contratti intermittenti, residenti in Veneto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Attualità

L'assist del comandante: «Sì alle uscite nel rispetto delle regole»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento